Contenuto sponsorizzato

Corpi, genere, sessualità in movimento, se ne parla al​ ​Dolomiti Pride

L'appuntamento vedrà protagonisti Massimo Prearo ed Elisa Bellè moderati da Sara Zanatta, sociologa e Michele Toss, storico. L'appuntamento è per domani alle ore 18 nell’aula 16 del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università di Trento

Pubblicato il - 29 May 2018 - 14:35

TRENTO. Politiche dell’autodeterminazione e dell’orgoglio tra ‘68, movimento delle donne e attuale esperienza dei pride. A 50 anni dai movimenti che cambiarono per sempre la cultura e la società italiana, il Dolomiti Pride organizza un seminario che vedrà protagonisti Massimo Prearo ed Elisa Bellè moderati da Sara Zanatta, sociologa e Michele Toss, storico.

 

L’appuntamento è domani alle 18 nell’aula 16 del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università di Trento intende invitare alla riflessione sul senso storico e contemporaneo dell’uso politico del corpo, attraverso le categorie sociali di genere e sessualità per ri-connettere l’attuale esperienza dei pride al ‘68 storico, per ricostruire possibili genealogie e, in occasione del cinquantenario del ‘68, per ri-appropriarsi di una memoria dal portato critico e trasformativo.

 

Massimo Prearo​, dottore di ricerca in Studi Politici dell’EHESS di Parigi, è stato Marie Curie Fellow (2013-2015) ed è attualmente assegnista di ricerca presso il Centro di ricerca PoliTeSse / Politiche e teorie della sessualità dell’Università di Verona. Studioso dei movimenti LGBTQI, e attualmente anche dei movimenti “no-gender”.

 

Elisa Bellè è ricercatrice post-doc presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università di Trento. I suoi interessi di ricerca ruotano attorno al tema della partecipazione politica e delle culture politiche, analizzate in ottica di genere e con una particolare attenzione ai processi di costruzione della maschilità. Attualmente sta lavorando alla realizzazione del progetto di ricerca FemMe – Femminismi e Memoria. Movimento femminista e rivendicazioni sindacali delle donne in Trentino, 1965-1985​. Il progetto vede come partner il Dipartimento di Sociologia e la Fondazione Museo Storico del Trentino​, ed è realizzato con il contributo della Fondazione Caritro​.

 

Sempre domani, alle ore 17, è prevista una visita guidata alla mostra sul ’68 a Sociologia, con i curatori Michele Toss e Sara Zanatta, allestita presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
27 settembre - 22:03
Nicola Paoli (segretario della Cisl medici): "La categoria è oberata. E' più conveniente diventare un Usca o un vaccinatore perché si viene [...]
Cronaca
28 settembre - 13:12
E' successo nel Milanese: due lavoratori sono morti in un incidente in un deposito di azoto della sede dell'ospedale Humanitas Mirasole a Pieve [...]
Cronaca
28 settembre - 11:54
La 61enne di Bolzano si trovava in vacanza col marito al momento della tragedia. Mentre faceva il bagno la donna sarebbe stata colpita da un malore [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato