Contenuto sponsorizzato

Transfemminismo, una "cotta continua"

La marcia di avvicinamento al Dolomiti Pride del 9 giugno continua domani allo Spazio Off di via Venezia con l'incontro che avrà come protagonista Porpora Marcasciano, presidente del Movimento di Identità Trans e scrittrice. Racconterà gli anni Settanta dal suo speciale punto di osservazione: l'esperienza deviante e scandalosa fatta di manifestazioni, paure, passioni, sogni e sessualità. Alle 18.30 aperitivo. Alle 20.30 il confronto.

Pubblicato il - 14 maggio 2018 - 14:44

TRENTO. Ancora appuntamenti nella marcia di avvicinamento  al Dolomiti Pride del 9 giugno . Ancora occasioni per approfondire i tanti temi legati all'attualità delle differenze di genere che sono parte fondamentale di un Gay Pride che  è folclore solo nella testa "leggera" del presidente della Provincia di Trento. Domani - martedì 15 maggio - lo Spazio Off di via Via Venezia ospita un incontro con Porpora Marcasciano, presidente del MIT (Movimento Identità Trans) e autrice di “Antologaia” e “L’aurora delle trans cattive”.

 

 Porpora dialogherà con il Collettivo Transfemminista Queer di Trento per raccontare gli anni Settanta dal suo specialissimo punto d’osservazione: l’esperienza deviante e scandalosa, una “cotta continua”, fatta di manifestazioni, passioni, paure, sogni e sessualità. Un percorso che la porterà a incrociare tanti piccoli e grandi personaggi, dalla nascita del movimento LGBT fino all’organizzazione dei primi pride, sempre in relazione con il movimento rivoluzionario di quegli anni.

 

 Il timer che sul sito del Dolomiti Pride​ scandisce i giorni che mancano alla parata del 9 giugno fa registrare -25. Più ci avviciniamo a quella data, più si infittisce il calendario degli appuntamenti ​pensati per accostarsi con consapevolezza al grande evento che fra meno di 4 settimane percorrerà per la prima volta le strade di Trento.

 

 Particolarmente significativo è “Amichessa questo è il paradiso! Percorsi di transfemminismo a partire da sé e a partire dal mondo​”, l’incontro che il Collettivo Transfemminista Queer di Trento propone domani nell’ambito dei pre-eventi del pride.

 

 Porpora Marcasciano​,  presenterà due dei suoi libri: “AntoloGaia. Vivere sognando e non sognare di vivere: i miei anni Settanta​” e “L’aurora delle trans cattive. Storie, sguardi e vissuti della mia generazione transgender​”. L’autrice, intervistata dal Collettivo Transfemminista Queer  incrocia tanti piccoli e grandi personaggi, costruisce i primi collettivi Glt, i primi pride e il nascente movimento gay, che entra in relazione con il movimento rivoluzionario di quegli anni ​spingendolo a prendere coscienza di sé e del proprio corpo.

 

 Una realtà in cui trans, gay, lesbiche, donne e non solo rivoluzionano la propria vita e di riflesso quella del mondo. Un appuntamento importante nel calendario dei pre-eventi del Dolomiti Pride, perché porta in primo piano l’esperienza di una persona trans, mettendola in relazione con il contesto storico, quegli anni Settanta che segnarono così profondamente anche la realtà trentina​, culturalmente, socialmente e politicamente.

 

 L’incontro inizierà alle 18.30 con un aperitivo informale. Alle 20.30 la presentazione dei due libri​. L’ingresso è gratuito. Durante l'incontro sarà possibile acquistare i libri di Porpora Marcasciano presso lo stand de La Piccola Libreria di Levico Terme. 

 

ECCO UN INTERVENTO DELLA MARCASCIANO IN  PIAZZA NEL 2016

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 20:09

Per la Lega abolizione della caccia Lombardia attribuire la responsabilità (se di responsabilità si parla) dell'accaduto all'ungulato è sbagliato. Come sbagliate sono le strategie di contenimento di questi animali: ''Non a caso in oltre trent’anni di gestione del problema da parte dei cacciatori, questa specie in Italia è aumentata in maniera esponenziale''

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato