Contenuto sponsorizzato

Corruzione, nei guai un imprenditore e un giudice onorario. Il Tribunale di Trento li mette ai domiciliari

Si tratta di due professionisti veronesi. Al momento non compare nessun trentino tra gli indagati ma la vicenda potrebbe rivelare sorprese perché è tuttora in corso

Pubblicato il - 08 maggio 2018 - 21:00

TRENTO. Un giudice onorario e un architetto veronese sono finiti ai domiciliari con l'accusa di corruzione. La Sezione Anticorruzione del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Trento ha eseguito oggi le due ordinanze di custodia cautelare disposte dal Gip di Trento nell’ambito dell’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica.

 

Al momento non compare nessun trentino tra gli indagati ma le indagini potrebbero rivelare sorprese. Nel mese scorso sono state eseguite dalle Fiamme Gialle svariate perquisizioni presso abitazioni e studi professionali delle province di Padova e Verona ma la fase di indagine è tuttora in corso.

 

I colpiti dalle misure, con l’accusa di corruzione, sono quindi C.B., 45 anni, e D.J.R. di 58 anni. Il primo è un avvocato padovano che esercita anche la funzione di Giudice Onorario del Tribunale Civile di Verona, al quale viene contestata l’attribuzione, dietro illecito compenso, ad altri professionisti, di incarichi di custodia e di consulenze, connessi alla gestione di procedure di esecuzione giudiziaria.

 

Il secondo è un architetto veronese, al quale viene contestato il pagamento di una “mazzetta” a C.B., pari al 10% dei compensi per svariati incarichi di perito affidatigli direttamente da .C.B. stesso. Parallelamente, il Gip presso il Tribunale di Trento ha disposto il sequestro preventivo per equivalente delle somme oggetto di scambio corruttivo, ammontanti a 29.900 euro, pari al totale dei compensi per incarichi ottenuti illecitamente e alle “mazzette” ottenute.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 05:01

Il disegno di legge voluto da Fugatti prevede, per chi ha ricevuto condanne superiori ai 5 anni, l’impossibilità di fare domanda per un alloggio Itea e la rescissione del contratto per coloro che già sono destinatari di un’abitazione, lo stesso principio lo si vorrebbe estendere a tutti i componenti del nucleo famigliare. Dura replica di Ianeselli: “C’è odore di incostituzionalità le famiglie dovrebbero essere aiutate non sbattute sulla strada”

15 novembre - 13:09

L'importanza del risparmio per un futuro sostenibile al centro dell'iniziativa formativa promossa dalla Cassa Rurale Vallagarina nelle scuole elementari del basso Trentino e dell'alto Veronese. "E grazie ai numerosi interventi, del nostro bilancio sociale a favore dei soci, delle famiglie, delle imprese e delle associazioni, sosteniamo le nostre comunità”

16 novembre - 17:37

E' stata eletta la nuova coordinatrice dell'Unione per gli Universitari. Sul problema degli affitti spiega: "stiamo pensando all'istituzione di uno sportello affitti e ad una piattaforma dove i privati possano registrare le offerte di alloggio, in modo che gli studenti possano più facilmente districarsi nella giungla degli affitti"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato