Contenuto sponsorizzato

Insulta Cecile Kyenge, la Cassazione condanna definitivamente Serafini: "Discriminazione razziale"

Secondo la Suprema Corte la frase è "un attacco inutilmente umiliante e inutilmente denigratorio della dignità" dell'ex ministra. Il dipendente di Trentino Trasporti dovrà pagare un'ammenda di 2.500 euro

Pubblicato il - 01 marzo 2018 - 09:46

TRENTO. La frase era stata scritta su Facebook: "Torni nella giungla". L'aveva scritta quasi 5 anni fa sulla sua bacheca Paolo Serafini rivolto all'allora ministra Cecile Kyenge. E dopo 5 anni arriva la sentenza definitiva emessa dalla Cassazione: colpevole di diffamazione con l'aggravante della discriminazione razziale.

 

Serafini, che per questo fu licenziato da Trentino Trasporti (poi reintegrato in seguito al ricorso al giudice del lavoro), era stato condannato in primo grado dal Tribunale di Trento. Sempre a Trento la condanna era stata confermata in appello e ora la Cassazione: dovrà pagare un'ammenda di 2.500 euro

 

Secondo la Suprema Corte la frase è "un attacco inutilmente umiliante e inutilmente denigratorio della dignità" dell'ex ministra. Dignità "intesa come percezione della propria dimensione umana e della sua reputazione".

 

"Un attacco personale che facendo leva sulle origini africane della Kyenge, le ha attribuito caratteristiche proprie degli esseri che vivono nella giungla". La Cassazione parla di "gratuito giudizio di disvalore espresso dal Serafini, fondato sull'appartenenza alla razza degli africani di pelle nera che, secondo l'imputato, ha nella giungla e non nella società civilizzata il suo habitat naturale (...) perché assimilabile agli animali, come le scimmie, che vi vivono". 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 luglio - 06:01

I numeri sembrano bocciare l'operazione ragionieristica dell'assessore nel criterio selezionato per licenziare il ddl commercio, quello delle chiusure domenicali e festive di supermercati e negozi. L'unica a salvarsi sarebbe Venezia ma solo perché ha pochi residenti. Nemmeno le grandi capitali europee come Londra e Berlino rientrerebbero nella lista di Failoni

05 luglio - 10:47

Il corpo è stato notato da un passante che ha avvisato le forze dell’ordine. Purtroppo, quando i sanitari sono intervenuti sul posto, per il 68enne non c’era più nulla da fare

04 luglio - 20:08

La prima edizione, in concomitanza con il Premio Strega, è stato assegnata ad un libro che è la summa più simpatica del sapere vitivinicolo: "La stirpe del vino" scritto a quattro mani da Scienza e da una preparatissima sua collega universitaria, Serena Imazio, specialista in indagini genetiche, che spaziano in mezzo mondo, dalla Georgia al viaggio del vitigno Marzemino verso Isera

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato