Contenuto sponsorizzato

Insulta Cecile Kyenge, la Cassazione condanna definitivamente Serafini: "Discriminazione razziale"

Secondo la Suprema Corte la frase è "un attacco inutilmente umiliante e inutilmente denigratorio della dignità" dell'ex ministra. Il dipendente di Trentino Trasporti dovrà pagare un'ammenda di 2.500 euro

Pubblicato il - 01 marzo 2018 - 09:46

TRENTO. La frase era stata scritta su Facebook: "Torni nella giungla". L'aveva scritta quasi 5 anni fa sulla sua bacheca Paolo Serafini rivolto all'allora ministra Cecile Kyenge. E dopo 5 anni arriva la sentenza definitiva emessa dalla Cassazione: colpevole di diffamazione con l'aggravante della discriminazione razziale.

 

Serafini, che per questo fu licenziato da Trentino Trasporti (poi reintegrato in seguito al ricorso al giudice del lavoro), era stato condannato in primo grado dal Tribunale di Trento. Sempre a Trento la condanna era stata confermata in appello e ora la Cassazione: dovrà pagare un'ammenda di 2.500 euro

 

Secondo la Suprema Corte la frase è "un attacco inutilmente umiliante e inutilmente denigratorio della dignità" dell'ex ministra. Dignità "intesa come percezione della propria dimensione umana e della sua reputazione".

 

"Un attacco personale che facendo leva sulle origini africane della Kyenge, le ha attribuito caratteristiche proprie degli esseri che vivono nella giungla". La Cassazione parla di "gratuito giudizio di disvalore espresso dal Serafini, fondato sull'appartenenza alla razza degli africani di pelle nera che, secondo l'imputato, ha nella giungla e non nella società civilizzata il suo habitat naturale (...) perché assimilabile agli animali, come le scimmie, che vi vivono". 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 04:01

I contagi all'interno delle Case di Riposo sono più diffusi rispetto la prima ondata anche se, in alcuni casi, con conseguenze meno gravi. Tra le criticità più sentite c'è la mancanza di personale. "Lo stiamo cercando anche fuori regione ma è molto difficile" spiega Francesca Parolari di Upipa. Massima attenzione anche sulle nuove strutture che da Rsa di transizione diventano Rsa Covid: "Non tutti possono offrire standard come quella di Volano soprattutto per la predisposizione dell'ossigeno"

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato