Contenuto sponsorizzato

Insulta Cecile Kyenge, la Cassazione condanna definitivamente Serafini: "Discriminazione razziale"

Secondo la Suprema Corte la frase è "un attacco inutilmente umiliante e inutilmente denigratorio della dignità" dell'ex ministra. Il dipendente di Trentino Trasporti dovrà pagare un'ammenda di 2.500 euro

Pubblicato il - 01 marzo 2018 - 09:46

TRENTO. La frase era stata scritta su Facebook: "Torni nella giungla". L'aveva scritta quasi 5 anni fa sulla sua bacheca Paolo Serafini rivolto all'allora ministra Cecile Kyenge. E dopo 5 anni arriva la sentenza definitiva emessa dalla Cassazione: colpevole di diffamazione con l'aggravante della discriminazione razziale.

 

Serafini, che per questo fu licenziato da Trentino Trasporti (poi reintegrato in seguito al ricorso al giudice del lavoro), era stato condannato in primo grado dal Tribunale di Trento. Sempre a Trento la condanna era stata confermata in appello e ora la Cassazione: dovrà pagare un'ammenda di 2.500 euro

 

Secondo la Suprema Corte la frase è "un attacco inutilmente umiliante e inutilmente denigratorio della dignità" dell'ex ministra. Dignità "intesa come percezione della propria dimensione umana e della sua reputazione".

 

"Un attacco personale che facendo leva sulle origini africane della Kyenge, le ha attribuito caratteristiche proprie degli esseri che vivono nella giungla". La Cassazione parla di "gratuito giudizio di disvalore espresso dal Serafini, fondato sull'appartenenza alla razza degli africani di pelle nera che, secondo l'imputato, ha nella giungla e non nella società civilizzata il suo habitat naturale (...) perché assimilabile agli animali, come le scimmie, che vi vivono". 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 13:32

Il presidente della Provincia, assieme agli altri rappresentanti regionali leghisti, ha fatto da apripista del Capitano e ha cercato di sfoderare tre provvedimenti ''immagine'' adottati in Trentino nel primo anno di governo. Sul bonus bebè ha ricordato orgoglioso che ''non vale per tutte le famiglie'' (sia mai che si faccia una cosa per tutta la comunità) ma ha finito per esagerare sui ''limiti''

19 gennaio - 12:21

Erano all’incirca le 6e45 di mattina quando un furgoncino, parcheggiato in un garage, ha preso fuoco. Per diradare la coltre di fumo che aveva invaso il piano interrato i pompieri hanno utilizzato dei potenti ventilatori 

17 gennaio - 19:46

L’associazione cacciatori nel mirino di Filippo Degasperi: “Com’è possibile che l’ex direttore dell’Ufficio faunistico della Pat ricopra il ruolo direttore generale dell’Associazione Cacciatori Trentini, mentre si trova ancora in aspettativa?”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato