Contenuto sponsorizzato

La piccola Sofia morta per malaria, chiesta l'archiviazione per l'infermiera

Sarà il giudice ora a decidere. Sofia Zago è morta il 4 settembre dello scorso anno dopo aver contratto la malaria. Era stata ricoveratA nel reparto di pediatria dell'ospedale Santa Chiara  

Pubblicato il - 17 ottobre 2018 - 08:57

TRENTO. E' stata chiesta l'archiviazione per l'infermiera del reparto di pediatria che era stata indagata per omicidio colposo dopo la morte della piccola Sofia Zago. Un fatto che ha scosso il Trentino e non solo. La bambina è morta lo scorso anno, il 4 settembre a quattro anni, dopo aver contratto la malaria. Era stata ricoverata, per altro genere di problemi, nel reparto di pediatria ed è questo il luogo da dove sono partite le indagini dei carabinieri che avrebbero portato ad individuare il giorno in cui la bimba è venuto in contatto con il sangue infetti di un altro paziente.

 

Il giorno sarebbe il 17 agosto e il contagio potrebbe essere avvenuto durante l'operazione di pulizia dell'ago canula o tramite dei guanti. Fino a qui le indagini dei carabinieri ma ora il pm ha chiesto l'archiviazione per l'infermiera che avrebbe svolto le operazioni perché non ci sarebbe la certezza assoluta del suo coinvolgimento. A dare man forte a questa ipotesi il fatto che l'infermiera non era sola nelle operazioni ma anche un'altro scenario e cioè che la piccola potrebbe essere venuta in contatto direttamente con una delle bimbe che si trovavano nel reparto per malaria.

 

La decisione, quindi, da parte del Pm, di archiviare la posizione dell'infermiera del reparto di pediatria indagata per omicidio colposo. Sarà ora il giudice a decidere se accettare o meno la richiesta.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:13

Ci sono 127 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 12 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 222 positivi a fronte dell'analisi di 2.861 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,6%

30 ottobre - 18:15

La misura introdotta per evitare assembramenti: l’1 e il 2 novembre i cimiteri di tutto il Trentino rimarranno chiusi. Fugatti: “L’azienda sanitaria ci segnala un rischio aumento dei contagi sugli anziani, una settimana dopo le feste di Ognissanti”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato