Contenuto sponsorizzato

Maltempo, per aiutare i piccoli e medi produttori arriva la torta per ''La rinascita delle Dolomiti'' - Ecco la VIDEO RICETTA

A crearla è il maestro della pasticceria mondiale Iginio Massari e l'idea è stata lanciata dal progetto "Ddolomiti". L'obiettivo è quello di aiutare i produttori colpiti dal maltempo utilizzando i loro prodotti   

Pubblicato il - 16 novembre 2018 - 10:27

BELLUNO. Aiutare i territori delle Dolomiti a rialzarsi e a ripartire. La solidarietà non si ferma e in queste settimane abbiamo visto come possa arrivare in svariati modi. Questa volta a portarla sarà un dolce: la torta per la "Rinascita delle Dolomiti”.

 

Una torta per aiutare i produttori bellunesi e per contribuire alla “Rinascita delle Dolomiti”. È questo il nome della ricetta che il maestro della pasticceria mondiale Iginio Massari ha ideato per dare il suo personale contributo al superamento dell'emergenza maltempo che ha colpito la montagna veneta, bellunese in particolare.

 

La scelta è ricaduta su alcuni dei prodotti simbolo del territorio come le nocciole, il miele, il latte, il burro e lo yogurt. La ricetta è semplice e non rappresenta un’esclusiva: tutti potranno riprodurla a casa o in pasticceria, con tutte le varianti del caso.

 

La proposta è del progetto bellunese “Ddolomiti” nato per promuovere e difendere la cultura del territorio e l'obiettivo di questa collaborazione è diffondere un messaggio di sostegno alla popolazione bellunese, colpita prima da un incendio devastante del 24 ottobre ad Agordino che ha distrutto intere porzioni di bosco e poi la tremenda alluvione che ha devastato l'intero territorio.

 

Una situazione che ha portato tantissimi imprenditori a perdere gran parte del proprio lavoro e ad affrontare grossissime difficoltà

 

LA RINASCITA DELLE DOLOMITI

 

La ricetta prevede l'uso di burro, zucchero, miele, baccelli di vaniglia, miele di acacia, yogurt, uova, farina di nocciole e farina bianca. Le aziende coinvolte in questo progetto sono insediate in alcuni dei territori più colpiti, ovvero l'Agordino, il Cadore e il Feltrino: “Verso Dolomiti” (Feltre) ha donato le nocciole, malga Dignas (San Pietro di Cadore) il burro e il latte, la cooperativa agricola “Latteria Di Vallata” (Agordino) lo yogurt, l'apicoltura “Due Valli” (Rocca Pietore) il miele e l'azienda agricola “Centro Cadore” (Lozzo) la farina. L'indicazione è quella di comprare i prodotti presso le aziende preferite , purché insediate nel territorio bellunese (laddove possibile).

 

Ecco la ricetta: 

 

Montare in planetaria

400 g burro

200 g zucchero

100 g miele di acacia

 

Aggiungere

2 baccelli vaniglia

250 g yogurt aggiungere

250 g uova versare a filo

500 g farina di nocciole (tostate 160°C per 20 minuti , pelate e una volta fredde, macinate)

250 g farina bianca tipo “O”

Unire le polveri prima setacciate all’impasto, mescolando in continuazione

 

Cuocere a valvola aperta per 24 minuti a 170°C

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 05:01

Sono arrivati nel bel mezzo della pandemia, quando gli ospedali cercavano disperatamente personale, ma i loro contratti durano solo pochi mesi: “Crediamo di aver dato tanto e ci aspettavamo un trattamento diverso, ora ho deciso di guardare altrove”. Così Apss perde i professionisti della prima linea contro il Covid

23 ottobre - 20:04

Da oggi si è deciso che per far finire in isolamento una classe non basta più solo un bambino ma ne servono due (alle superiori resta uno). A livello di contagio i positivi di oggi sono 207. Di questi oltre 110 sono a Trento e Pergine. Dati importanti anche per Rovereto, Levico Terme e Civezzano. Sono 48 i comuni dove si contano nuovi contagiati

23 ottobre - 17:54

Curioso caso nella mattina di venerdì 23 ottobre. Trento sud è stata interessata da un forte odore di gas, con diverse segnalazioni arrivate a Novareti e ai vigili del fuoco. Nell'aria in realtà si era disperso il prodotto odorizzante, utilizzato per dare il caratteristico sentore al metano

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato