Contenuto sponsorizzato

Moena torna a splendere dopo appena tre giorni, oltre 700 volontari della Protezione civile in azione

Riaperte nel pomeriggio di venerdì anche la circonvallazione di Moena, nei due sensi, e la statale per il San Pellegrino a senso unico alternato. Dalla sola briglia sul rio Costalunga sono stati asportate circa 8 mila metri cubi di materiale detritico, un volume pari alla capienza di circa 800 camion. Online la mappa dei dissesti

Pubblicato il - 06 luglio 2018 - 20:11

MOENA. Conclusi i lavori di sgombero e pulizia di Moena, così come gli interventi di sistemazione delle strade statali e dei corsi d'acqua. Un risultato reso possibile dal lavoro della popolazione locale e degli oltre 700 volontari della Protezione civile. 

 

A soli tre giorni dal nubifragio che ha sconquassato il centro abitato, la Fata delle Dolomiti è pronta per accogliere la Stella Alpina, manifestazione di vetture storiche, e la Fiorentina, che sbarca a Moena per il settimo ritiro consecutivo in Val di Fassa.

 

Venerdì è arrivata la richiesta di stato di calamità, mentre i vigili del fuoco hanno concluso anche la raccolta delle segnalazioni dei danni: 260 schede riguardanti abitazioni e strutture private, e cinque alberghi. Un’attività di censimento degli effetti del nubifragio, mentre per domani sono previsti degli interventi residuali.

 

Un dettaglio significativo: dalla sola briglia sul rio Costalunga sono stati asportate circa 8 mila metri cubi di materiale detritico, un volume pari alla capienza di circa 800 camion.

 

Meteo

La scorsa notte a Moena sono caduti 35 millimetri di pioggia senza provocare ulteriori smottamenti. Le previsioni annunciano bel tempo per il fine settimana.

 

Strade

Riaperte al traffico le due principali arterie: la Circonvallazione di Moena (in entrambi i sensi) e la statale 346 del passo di San Pellegrino (senso unico alternato di circa 120 metri). 

 

Moena

Oltre 60 vigili del fuoco volontari hanno ultimato l’attività di pulizia di cantine e garage di abitazioni ed alberghi. Una squadra di 20 uomini sarà ancora attiva domattina per gli ultimi interventi di dettaglio. Anche i lavori di rimozione del materiale sono ultimati sia sul rio Costalunga sia in paese.

 

Da domani non è più previsto il transito di camion e mezzi pesanti attraverso le vie del centro abitato. Nella giornata di domani è programmato l’ultimo svuotamento di una briglia sul rio Meida invasa dai detriti portati a valle dai temporali di questi giorni in val Duron.

 

A questo proposito riportiamo alcuni dati che spiegano l’utilità di questi manufatti: da una sola briglia sul rio Costalunga (vedi foto, lo stesso che ha causato l’esondazione su Moena) sono stati asportati circa 8 mila metri cubi di materiale detritico (ghiaia, sassi, massi e legname), pari alla capienza di 800 camion. Nella area di Moena continuerà anche nei prossimi giorni il monitoraggio delle squadre di geologi sulla tenuta dei pendii montani

 

Censimento dei danni

La Protezione civile (Prevenzione rischi e Vigili del fuoco) hanno compilato oggi 260 schede di segnalazione di danno ad abitazioni, immobili di vario genere ed alberghi (5 le strutture alberghiere danneggiate di cui una destinata a rimanere chiusa per l’intera stagione estiva).

 

Le schede - è bene sottolinearlo - non contengono la quantificazione del danno ma solo la descrizione. E’ presumibile che la voce maggiore deriverà dai mancati introiti degli alberghi, seguita dai danni delle abitazioni e dai costi per il ripristino delle sede stradali (San Pellegrino in particolare). I 700 volontari della Protezione civile del Trentino non percepiranno alcuni compenso essendo la loro attività garantita a favore della collettività a titolo gratuito.

 

Telecomunicazioni

Gli alberghi di passo San Pellegrino sono collegati con la fibra fin dal pomeriggio di oggi. Entro sera sarà chiuso anche il cantiere per la sostituzione del cavo in rame che serve la zona sud di Moena.

 

Mappa del dissesto (Qui link)

La Protezione civile ha messo online la mappa degli smottamenti nella zona di Moena. Una volta individuata la zona di interessa è possibile cliccare la stellina ed accedere alla documentazione fotografica del dissesto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 dicembre - 18:58

Per Cgil, Cisl e Uil il ridimensionamento del bilancio di Agenzia del Lavoro si tradurrà in un contenimento della spesa per la formazione e la riqualificazione professionale, blocco agli incentivi alle assunzioni stabili per i disoccupati deboli, azzeramento della staffetta occupazionale, stop al reddito di attivazione. Il tutto mentre si investono 8 milioni in strategie di welfare che saranno superate dal governo nazionale

13 dicembre - 19:15

La specie in provincia è diffusa soprattutto in Valsugana. La Fem: ''E' molto resistente perché capace di creare delle nicchie ad altitudini sensibilmente maggiori rispetto alla zanzara tigre. L'estate scorsa abbiamo rilevato un caso davvero particolare, seppure isolato: la presenza di una colonia addirittura ad una altitudine di 1.500 metri''

13 dicembre - 17:52

Il gatto pare sia di casa Rifugio Predaia e dopo che gli escursionisti che lo hanno incontrato hanno postato delle foto su Facebook, in breve tempo, la storia di “Scòdega” è diventata virale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato