Contenuto sponsorizzato

Pestaggio del Prati, CasaPound sulla condanna: ''Attenuanti perché provocati''. L'avvocato: ''Tornino a studiare la Costituzione antifascista''

Canestrini contesta la ricostruzione fatta da Castaldini: "Le generiche sono date perché incensurati". E commenta: "Prendo atto con piacere che i condannati godono della loro condanna, e spero ne abbiano occasione anche in un prossimo futuro"

Pubblicato il - 07 luglio 2018 - 17:39

TRENTO. Ieri due militanti di Blocco Studentesco, la giovanile di CasaPound, sono stati condannati a 6 mesi di reclusione per l'aggressione ai danni di tre ragazzi del Liceo Prati. Oggi interviene Filippo Castaldini, leader del gruppo di estrema destra, per commentare la sentenza.

 

“Il giudice riconosce ai militanti del Blocco Studentesco le attenuanti generiche - afferma - e la provocazione dei ragazzi della sinistra estrema che hanno aggredito i nostri attivisti durante un legittimo volantinaggio impedendo di fatto un diritto costituzionale, tanto caro alla sinistra”.

 

“Siamo quindi fiduciosi - conclude Castaldini - e dimostreremo in appello che questa provocazione, poi trasformata in aggressione, ha costretto i due militanti alla legittima difesa”. Riproponendo la stessa tesi usata in tribunale dalla difesa, che però il giudice non ha considerato.

 

A stretto giro, in risposta a questo comunicato, interviene l'avvocato Nicola Canestrini, che nel processo rappresentava i ragazzi aggrediti: "Invocano la Costituzione nata dalla sconfitta del fascismo, ma meglio che tornino a studiare".

 

"Saprebbero - osserva l'avvocato - che le attenuanti generiche vengono di fatto concesse per tutti gli incensurati: non si negano a nessuno, insomma.  Prendo atto con piacere - conclude Canestrini - che i condannati godono della loro condanna, e spero ne abbiano occasione anche in un prossimo futuro". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
20 settembre - 10:08

In alcuni punti della città, nel fine settimana, si formano notevoli assembramenti. Purtroppo le persone sembrano aver archiviato con troppa facilità l’emergenza sanitaria e in pochi rispettano le precauzioni

20 settembre - 09:47

E' successo a Volano e la situazione è sotto controllo. Il contagio nel bambino sarebbe avvenuto in ambito famigliare e non sono stati rilevati altri casi a scuola 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato