Contenuto sponsorizzato

Ricostruzione del Rifugio Tonini, a che punto siamo?

Il rifugio era stato distrutto nel terribile incendio che si verificò il 28 dicembre del 2016. Secondo la Sat  se l’iter autorizzativo procedesse senza intoppi e in presenza di fondi sul bilancio della Provincia autonoma di Trento per la concessione del contributo come precedentemente illustrato, i lavori potrebbero verosimilmente incominciare con la prossima stagione estiva

Pubblicato il - 31 agosto 2018 - 13:40

TRENTO. Potrebbero iniziare già a partire dalla prossime stagione estiva i lavori si ricostruzione del rifugio Tonini allo Spruggio, distrutto nel terribile incendio che si verificò il 28 dicembre del 2016.

 

 

A dirlo è la Sat che ha deciso di fornire una informazione dettagliata in merito all’iter procedurale individuato e a quali saranno gli impegni futuri per l’edificazione, considerata la forte valenza identitaria che questo luogo incarna per l’intera comunità.

 

La volontà di ricostruire il rifugio Tonini, distrutto da un incendio il 28 dicembre 2016, venne dichiarata dal presidente della Sat già all’indomani dell’infausto evento.

 

Il primo e importante passo è stato quello di un confronto con l’Assicurazione per la determinazione dell’indennizzo del sinistro mentre il secondo passo ha riguardato la verifica della disponibilità della Provincia Autonoma di Trento a finanziare la parte di costo eccedente la cifra incassata dall’assicurazione, atteso che la ricostruzione avrebbe comportato una diversa e più razionale disposizione degli spazi del rifugio ed una conseguente maggior spesa complessiva.

 

La disponibilità in tal senso – da parte della Provincia – c’è stata anche se la concessione del contributo avverrà necessariamente e solamente a conclusione dell’iter autorizzativo previsto dalla Legge e dal Regolamento sui rifugi e sui sentieri alpini.

Le immagini dell'incendio al rifugio Tonini

 

La Sat ha provveduto alla nomina di un apposito gruppo di lavoro con il compito di seguire da vicino la stesura del progetto di ricostruzione del rifugio e la condivisione dello stesso con enti ed istituzioni, interni ed esterni alla Sat, con lo scopo di portarli a conoscenza delle scelte progettuali proposte.

 

E’ stato inoltre individuato un progettista - che fa parte del gruppo di lavoro – cui è stato formalmente conferito l’incarico della progettazione della nuova struttura e che ha già provveduto ad elaborare un progetto di massima, finora condiviso (recependone i suggerimenti e le osservazioni) con la Commissione Rifugi della Sat e con la Sezione della Sat di Pinè.

 

Le scelte progettuali considereranno anche un possibile eventuale riutilizzo dei materiali rimasti nei ruderi del vecchio rifugio – in particolare la parte in pietra ma ad esclusione di quanto è considerato rifiuto, al fine di minimizzare i costi relativi al loro  trasporto a valle con l’elicottero ed al loro successivo riguardante lo smaltimento.

 

Successivamente, al termine di un rapido processo partecipativo che coinvolgerà le Commissioni “Tutela Ambiente Montano” e “Sentieri”, il progetto potrà essere approvato dal Consiglio Centrale della Sat. Seguirà poi l’iter di valutazione della Commissione di Coordinamento prevista dalla legge provinciale sui rifugi e sui sentieri alpini e, infine, dovrà ottenere la concessione edilizia da parte del Comune di Baselga di Pinè.

 

Per quanto riguarda i tempi, come già detto, se l’iter autorizzativo procedesse senza intoppi e in presenza di fondi sul bilancio della Provincia autonoma di Trento per la concessione del contributo come precedentemente illustrato, i lavori potrebbero verosimilmente incominciare con la prossima stagione estiva.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.53 del 30 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 maggio - 19:26

Dai costi elevati alla mancanza di un progetto ben definito problemi e possibili soluzioni per “l’Amazon trentina”. L’esperto: “Come per qualsiasi attività commerciale, o vi è un profitto o non c’è motivo per cui debba rimanere aperta. L’online è una risorsa, non una minaccia, ma solo se la si sa utilizzare nelle misure e nei contesti adeguati”

31 maggio - 19:25

Non sono stati registrati decessi nelle ultime 24 ore, il quarto giorno consecutivo senza morti legati a Covid-19. Ci sono 5.432 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 1.910 per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 0,05%

31 maggio - 19:23

Si tratta di Guido Casarotto. L'uomo era a bordo di una delle due macchine che il 25 maggio si erano scontrate sulla strada provinciale 235 all'altezza di Lavis

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato