Contenuto sponsorizzato

Salta un faro, principio d'incendio alla scuola media

All'interno della palestra i pompieri sono stati 'accolti' da una leggera coltre di fumo: una volta accesi i fari di illuminazione e atteso alcuni minuti, i vigili hanno identificato quello che sprigionava fumo

Pubblicato il - 13 aprile 2018 - 12:40

RIVA DEL GARDA. Dopo l'intervento alla palazzina per la fuga di gas (Qui articolo), i vigili del fuoco volontari di Riva del Garda sono stati inoltre allertati per un principio d'incendio nella palestra della scuola media Scipio Sighele, quando a causa del malfunzionamento di un faro della palestra, il fumo ha iniziato a invadere la stanza. 

 

L'allarme è stato lanciato intorno all'1.20 e il prontissimo intervento dei pompieri ha scongiurato ingenti danni e l'eventuale propagarsi delle fiamme. All'interno della palestra i pompieri sono stati 'accolti' da una leggera coltre di fumo: una volta accesi i fari di illuminazione e atteso alcuni minuti, i vigili hanno identificato quello che sprigionava fumo. 

 

I pompieri di Riva del Garda sono giunti sul posto con due autobotti e un furgone, mentre il corpo di Arco ha raggiunto la palestra con un'autobotte e l'auto-scala e i carabinieri di Riva del Garda per garantire sicurezza e effettuare i rilievi del caso.

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 luglio - 11:58

La candidata di “Si può fare” sostiene di essere la prima e unica donna in corsa per la carica di sindaca a Trento, ma non è così. Nel 2009 e nel 2015 Sinistra e Lega Nord presentarono due donne, mentre oggi c’è la candidata pentastellata: “Si vede che la mia avversaria non segue l’attività politica della città, nel M5s non abbiamo problemi con la parità di genere”

05 luglio - 10:19

Mentre a Bolzano si riparte oggi con i negozi aperti ad orario completo dopo due mesi di chiusura per il lockdown dando spinta all'economia, a Trento entra in vigore la legge di Failoni e Fugatti che stabilisce la chiusura dei punti vendita. 
E' scontro con il Comune, l'assessore Stanchina: "Ancora una volta una confusione terribile e danni economici per la città. L'Amministrazione farà di tutto per tutelare i propri commercianti"

05 luglio - 12:27

L'incidente è avvenuto sul territorio di Brentonico. La donna è stato trasportata in ospedale a Rovereto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato