Contenuto sponsorizzato

Sociologia occupata: ''Siamo quelli che pisciano fuori dal vaso''

Con trapano e cacciavite per smontare le serrature dell'aula 10 chiusa dal direttore del Dipartimento Mario Diani dopo le contestazioni agli alpini. Ora l'"auletta" è stata riaperta: "Vi invitiamo tutti a partecipare"

Foto: L'Universitario
Pubblicato il - 31 maggio 2018 - 09:47

TRENTO. Si firmano così, "Quelli e quelle che pisciano fuori dal vaso", e sono gli studenti del gruppo "Saperi Banditi", riconducibile all'area anarchica, che ieri hanno occupato l'aula 10 di sociologia. "Questa volta hanno pisciato fuori dal vaso", aveva detto infatti il direttore del Dipartimento Mario Diani quando lo stesso gruppo aveva occupato la stessa aula nei giorni dell'Adunata degli Alpini.

 

In quell'occasione gli 'occupanti' avevano dormito dentro alla sede di via Verdi per una notte, dopo un'assemblea, un concerto, qualche scritta sui muri e qualche danneggiamento ai gazebo degli alpini che erano allestiti lungo la via. Poi uscirono spontaneamente dall'aula Rostagno e l'occupazione finiva così.

 

La nuova azione, forse un po' più organizzata della prima, è avvenuta ieri pomeriggio, quando alcuni militanti di "Saperi Banditi" sono entrati nell'aula armati di trapano e cacciavite per svitare le serrature e togliere le maniglie delle porte. Per violare quella chiusura imposta dal direttore e dal rettore nei giorni scorsi.

 

Questa mattina il comunicato stampa. La firma, appunto, "Quelli che pisciano fuori dal vaso". Eccolo:

 

La settimana dell’Adunata degli Alpini è stata particolarmente movimentata per la facoltà di Sociologia. Martedì 8 Maggio in seguito ad un dibattito sulla guerra e la ricerca, un gruppo di studenti ha deciso di occupare la facoltà per una notte esponendo degli striscioni contro la guerra, gli alpini e ricordando che la rivolta non è un arma da museo.

 

Il direttore di Dipartimento, Mario Diani, da un lato cavalcando l’onda mediatica che in quei giorni si è scagliata contro chiunque ha cercato di mettere i bastoni tra le ruote all’Adunata e dall’altro accontentando le richieste degli sbirri, ha deciso di chiudere l’Aula Rostagno Autogestita, da tutti conosciuta come “auletta”, comunicando agli studenti che con l’occupazione avevano “pisciato fuori dal vaso”.

L’ auletta era già da diversi anni un luogo autogestito da alcuni studenti della facoltà e che è stata attraversata anche da diversi percorsi di lotta sia universitari che cittadini, come l’assemblea antifascista.

Se pensano che basti chiudere uno spazio per assopire la nostra voglia di autogestirci hanno capito ben poco. Per questo oggi abbiamo deciso di riprenderci un’aula all’interno della facoltà, un’aula in cui incontrarci, discutere e organizzarci, partendo da ciò che ci accomuna e cioè l’odio verso ogni fascismo, razzismo, sessismo e istituzione.

 

Abbiamo deciso di riprenderci un aula senza chiedere il permesso a nessuno perché crediamo che solo attraverso la nostra determinazione e voglia di decidere assieme possiamo intraprendere un percorso che sia diverso da ciò che questo mondo ci offre.

 

Perché non vogliamo nulla da chi sta ai piani alti dell’Ateneo trentino, e cioè coloro che scelgono di accettare finanziamenti in cambio di ricerche da numerose aziende assassine come Leonardo, Thales, Vitrociset e la lista sarebbe fin troppo lunga.

Gli stessi che decidono di regalare la laurea ad honorem a Marchionne, uno dei più illustri sfruttatori di operai del paese. Per questo abbiamo deciso di aprire quest’aula, che sia per noi un nuovo spazio da cui partire e per loro una dimostrazione del fatto che non ci fermeremo. Uno spazio in cui sono benvenuti tutti i collettivi che condividono come noi la passione per l’autogestione e la libertà.

Vi invitiamo tutti e tutte a partecipare all’assemblea di domani Giovedi 31 alle 16.00 all’interno della nuova Aula 10 Occupata, per discutere assieme come far vivere questo posto e che percorsi di lotta ci interessa percorrere assieme.

 

Quelli e quelle che pisciano fuori dal vaso

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 23:37

A livello provinciale l'affluenza alle urne si attesta a circa il 50% degli aventi diritto. Urne aperte anche lunedì 21 settembre dalle 7 alle 15 per rinnovare i consigli comunali e indicare "Sì" o "No" al referendum

20 settembre - 20:58
L'allerta è scattata intorno alle 18 di questa sera, domenica 20 settembre, quando è stato trovato un pezzo di un cadavere. A lanciare l'allarme un pescatore che ha notato una sagoma affiorare dall'acqua. Avviate le indagini da parte della scientifica e dei carabinieri. In azione anche i vigili del fuoco
20 settembre - 20:29

Sono 13 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.318 i guariti da inizio emergenza e 568 gli attuali positivi. Nel rapporto odierno, domenica 20 settembre, si specifica che 20 sono sintomatici, compreso 1 minorenne, e 8 casi sono ascrivibili ai focolai scoppiati negli ultimi giorni sul territorio provinciale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato