Contenuto sponsorizzato

Tar, accolto il ricorso e via libera a Zannini, Zanon e Andreina Stefani

Gli esponenti di LeU e Progetto Trentino erano stati depennati per presunte irregolarità nell'alternanza di genere nella lista, mentre per l'Upt a causa di un'irregolarità della documentazione. La sentenza del Tar riammette tutti e tre in corsa alle elezioni provinciali

Di Luca Andreazza - 27 settembre 2018 - 20:20

TRENTO. Tirano un sospiro di sollievo Jacopo Zannini (Liberi e Uguali), Gianfranco Zanon (Progetto Trentino) e Andreina Stefani (Upt).

 

Il Tar ha accolto i ricorsi e quindi sono stati riammessi nelle rispettive liste per correre alle prossime elezioni provinciali di domenica 21 ottobre.

 

Come riportato tra le pagine de Il Dolomiti (Qui articolo), i candidati di LeU e Progetto Trentino erano stati inizialmente esclusi per il presunto mancato rispetto della legge sull'alternanza di genere nelle liste.

 

Diverso il caso per l'esponente dell'Upt, il "taglio" sarebbe stato legato alla presunta irregolarità nella presentazione del certificato di residenza rilasciato dal Comune di Canal San Bovo.

 

Le forze politiche e i candidati si erano subito mossi e avevano presentato ricorso, accolto poco fa dal Tribunale amministrativo regionale. I tre esponenti sono stati riammessi nelle rispettive liste e possono correre alle elezioni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 19:46

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

01 giugno - 18:47

Preoccupano i mesi di settembre e ottobre con l'arrivo dell'influenza ma soprattutto gli affollamenti nei luoghi al chiuso. Ferro: "E' terreno fertile per il coronavirus, riconoscerlo dall'influenza è difficile per questo abbiamo impostato una vaccinazione di massa"

01 giugno - 18:40

Il presidente della Pat ha parlato a lungo anche della questione nidi e materne tradendo un pensiero evidentemente comune nella Giunta di vedere queste strutture come dei meri parcheggi di bambini. Tutto è ricollegato al tema economico: ''Così i genitori possono tornare a lavorare''. Si torna a circolare liberamente in regione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato