Contenuto sponsorizzato

Tar, accolto il ricorso e via libera a Zannini, Zanon e Andreina Stefani

Gli esponenti di LeU e Progetto Trentino erano stati depennati per presunte irregolarità nell'alternanza di genere nella lista, mentre per l'Upt a causa di un'irregolarità della documentazione. La sentenza del Tar riammette tutti e tre in corsa alle elezioni provinciali

Di Luca Andreazza - 27 settembre 2018 - 20:20

TRENTO. Tirano un sospiro di sollievo Jacopo Zannini (Liberi e Uguali), Gianfranco Zanon (Progetto Trentino) e Andreina Stefani (Upt).

 

Il Tar ha accolto i ricorsi e quindi sono stati riammessi nelle rispettive liste per correre alle prossime elezioni provinciali di domenica 21 ottobre.

 

Come riportato tra le pagine de Il Dolomiti (Qui articolo), i candidati di LeU e Progetto Trentino erano stati inizialmente esclusi per il presunto mancato rispetto della legge sull'alternanza di genere nelle liste.

 

Diverso il caso per l'esponente dell'Upt, il "taglio" sarebbe stato legato alla presunta irregolarità nella presentazione del certificato di residenza rilasciato dal Comune di Canal San Bovo.

 

Le forze politiche e i candidati si erano subito mossi e avevano presentato ricorso, accolto poco fa dal Tribunale amministrativo regionale. I tre esponenti sono stati riammessi nelle rispettive liste e possono correre alle elezioni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 20:14

Ci sono 118 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 8 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 173 positivi a fronte dell'analisi di 3.132 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

29 ottobre - 20:14

L'appello dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Bisogna cambiare la strategia di sanità pubblica, chiunque presenti una sindrome influenzale si metta in isolamento fino ai risultati dei test"

29 ottobre - 18:45

Mentre in Alto Adige Kompatscher si è adeguato alle norme nazionali mettendo in sicurezza i suoi ristoratori ed esercenti per quanto riguarda l'accesso ai contributi (dopo aver preso atto che con meno clienti in circolazione non conveniva restare aperti con i rischi sanitari che ci sono) il Trentino continua con lo scontro con Roma: ''Alle 18.10 noi ancora non abbiamo visto nessuna atto ufficiale di impugnazione''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato