Contenuto sponsorizzato

Vaccini, il Governo sarà più morbido:''E il Trentino si adegua?''. Rossi risponde a Civettini: ''Il decreto non è stato modificato''

"Se poi il nuovo ministro intende modificarlo noi ci adegueremo". Civettini chiedeva di evitare le sanzioni in vista del cambio di dottrina sulle politiche vaccinali: "Sanzioni comunque dal prossimo anno"

Pubblicato il - 04 giugno 2018 - 14:24

TRENTO. "Dopo l’insediamento del nuovo governo molte cose stanno cambiando, anche sul versante dei vaccini". Si vuol portare avanti il consigliere provinciale Claudio Civettini e chiede attraverso un'interrogazione se visti e considerati i cambiamenti in atto la provincia non intenda adeguarsi a quel che accade. Magari evitando di fare le multe ai genitori che non vaccinano i loro figli.

 

"Il nuovo ministro della Salute è una donna notoriamente contraria all’imposizione vaccinale. Forse proprio per questo nel vicino Alto Adige - sostiene Civettini - l’assessora provinciale alla Sanità ha dichiarato che intenderà proseguire con una linea morbida e non vessatoria nei confronti delle famiglie dei bambini che in Trentino vengono sprezzantemente definiti 'non conformi'".

 

E riporta le parole esatte di Martha Stocker: "Non abbiamo fatto e non faremo nessuna multa. Voglio che sia molto chiaro". Di fronte a quello che Civettini chiama "un dietrofront generale sull’obbligo vaccinale", il consigliere chiede alla Giunta cosa intende fare. 

 

"Si vuole proseguire a testa bassa su una strada che anche il vicino Alto Adige sta abbandonando? Si spera proprio di no. E in ogni caso - sottolinea l'esponente di Civica Trentina - pare opportuno, su questo, interpellare espressamente la Giunta provinciale con un atto ispettivo".

 

Ancor prima della risposta ufficiale, Ugo Rossi si esprime a margine della conferenza stampa post-Giunta: "C'è un decreto - afferma - che non possiamo certo modificare noi. Fino a che il decreto non viene emendato noi lo applichiamo. Ovviamente lo applichiamo con il criterio del buonsenso e non della 'legge del taglione' che prende dove prende". 

 

"Abbiamo detto che una volta finite le verifiche da parte dell'Azienda sanitaria applicheremo le sanzioni - ricorda Rossi - ma questo evidentemente consente di fatto di portare l'applicazione di queste sanzioni al prossimo anno scolastico. Se nel frattempo intervengono modifiche normative -conclude - saremo anche noi soggetti come tutti i cittadini alla legge e alla volontà del governo". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 11:41

I tamponi analizzati sono 1530. I pazienti covid19 ricoverati in ospedale sono 16 e a questi si aggiunge una persona che si trova in terapia intensiva 

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
20 settembre - 11:26

Sul posto sono intervenuti immediatamente i vigili del fuoco, il soccorso alpino e i sanitari. E' successo sul sentiero del “Tracciolino”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato