Contenuto sponsorizzato

Ancora un guasto per l'elicottero del nucleo, i sensori segnalano che perde olio e questa volta atterra a Ziano di Fiemme

La settimana scorsa un elicottero era atterrato in val di Cembra per un problema da ricondurre ad una valvola del sistema di alimentazione del carburante, questa volta si è fermato in val Fiemme. L'Agusta sarà portato in serata all'aeroporto di Mattarello per l'intervento di manutenzione

Di Luca Andreazza - 30 luglio 2019 - 18:05

TRENTO. L'Agusta del nucleo elicotteri di Trento a terra. Il velivolo è atterrato alla piazzola di Ziano di Fiemme per problemi al motore. E' il terzo caso di problemi tecnici nel giro di un mese, il secondo in appena una settimana. Oggi a causare l'atterraggio è stata l'indicazione di un sensore di perdita di pressione dell'olio.

 

La settimana scorsa un elicottero era atterrato in val di Cembra per un problema da ricondurre ad una valvola del sistema di alimentazione del carburante, questa volta si è fermato in val Fiemme. L'elicottero stava trasportando all'ospedale di Cavalese una persona colpita da shock anafilattico, il paziente è stato subito trasferito all'ospedale di valle con un'ambulanza

 

La Provincia riferisce che si tratta dell'Agusta Aw139 I-Nost che l'amministrazione sta noleggiando, non è lo stesso elicottero che alcuni giorni fa a Palù di Giovo ha effettuato un atterraggio di emergenza per un lieve inconveniente.

 

A causare l'atterraggio è stata l'indicazione di un sensore di perdita di pressione dell'olio: i piloti hanno immediatamente deciso di atterrare per dar corso a tutte le procedure di verifica e controllo, l'attenzione riservata alla sicurezza del trasporto aereo è alta. L'Agusta sarà portato in serata all'aeroporto di Mattarello per l'intervento di manutenzione.

 

Prima dell'atterraggio tra Palù e Verla, c'era stato il caso a Gaggiolo (Qui articolo), mentre in aprile, invece, tutti gli elicotteri trentini erano finiti ai box per riparazioni e manutenzioni, assolutamente indispensabili per garantire la sicurezza degli operatoridelle persone a cui si porta soccorso e degli stessi mezzi (Qui articolo). In quei giorni il servizio di elisoccorso era stato garantito e svolto in collaborazione con le strutture di Bolzano e VeronaBrescia Vicenza.

 

Più gravi i casi precedente tra l'incidente sul Nambino e quello avvenuto a Dro all'altezza di una delle pareti per l'arrampicata. Quello sul Nambino (Qui articoloera avvenuto nel marzo del 2017 e aveva visto precipitare un Augusta finito per distruggersi sulla neve.

 

Pochi mesi dopo, a ottobre, il caso di un altro AgustaWestland 139 (Qui articolo) la cui pala era stata letteralmente mangiata dalla parete di Pietramurata sulla quale si trovava in grosse difficoltà un giovane scalatore trentino. In quel caso, grazie alle capacità dei piloti, il mezzo era riuscito a rientrare a Mattarello e l'uomo era stato soccorso da un altro elicottero. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 May - 19:52
Trovati 36 positivi, non sono stati comunicati decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 113 guarigioni. Sono 689 i casi attivi sul [...]
Cronaca
18 May - 21:40
L'allerta è scattata lungo la MeBo in direzione nord all'altezza dell'uscita per Terlano. In azione la macchina dei soccorsi, due le persone [...]
Politica
18 May - 17:18
C'è da evidenziare che i numeri rispetto al capoluogo sono molto diversi: 998 domande a Trento tra ottobre 2020 e aprile 2021, mentre a Rovereto [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato