Contenuto sponsorizzato

Dopo la neve ora in Trentino è rischio valanghe. Da martedì arriva il gelo: previsti - 8 gradi in città

Secondo l'ultimo bollettino è "livello 4" il rischio valanghe in Trentino. Oggi la neve darà una tregua ma già in serata riprenderanno le precipitazioni nevose dai 700 metri. Nei primi giorni della prossima settimana è previsto un brusco calo di temperature

Pubblicato il - 02 February 2019 - 08:42

TRENTO. La neve che per tutta al giornata di ieri è caduta in Trentino ha portato un innalzamento del rischio valanghe pressoché su tutto il territorio ed è stato portato a “livello 4”, quindi forte,  il pericolo secondo l'ultimo bollettino.

 

Sono possibili valanghe spontanee, anche di dimensioni piuttosto grandi. Punti pericolosi si trovano soprattutto nelle conche, nei canaloni e dietro ai cambi di pendenza. Questi ultimi sono situati principalmente al di sopra del limite del bosco.

 

Già un singolo escursionista può facilmente provocare il distacco di valanghe, anche di grandi dimensioni. Le escursioni con le racchette da neve e gli sci, così come le discese fuoripista, dovrebbero essere limitate alle zone poco ripide.

 

Dal punto di vista del manto nevoso, la situazione è instabile in molti punti. A livello locale, il vento è stato a tratti forte. Le grandi quantità di neve fresca e neve ventata rappresentano la principale fonte di pericolo. La neve fresca poggia spesso su una crosta ghiacciata. Essa si è debolmente legata a tutte le esposizioni e a tutte le altitudini.

 

Il rischio di essere sorpresi da una valanga si riduce se si rispettano alcuni accorgimenti fondamentali che sono stati diffusi dal Soccorso Alpino: occorre progettare l'uscita a tavolino in ogni minimo dettaglio; è importante consultare i bollettini meteo e delle valanghe prima della partenza; chiedere informazioni ai professionisti della montagna, le guide alpine; scegliere  gli orari migliori in base all’esposizione dei pendii interessati dall’escursione. È fondamentale che ogni membro sia dotato di una pala e di una sonda e che indossi l’ARTVa correttamente acceso sotto la giacca a vento o sotto la maglia (portare l’ARTVa spento e chiuso nello zaino equivale a lasciarlo a casa).

 

 

Per quanto riguarda il meteo, dopo l'abbondante nevicata a cui abbiamo assistito ieri, per la giornata di oggi si prevede una tregua. Nuove precipitazioni di debole o moderata intensità sono tuttavia attese tra la serata e la mattinata di domenica con neve oltre 700-1000 metri circa. Limiti inferiori sui settori a nord e nordovest, superiori su quelli meridionali.

 

Le precipitazioni cesseranno nel pomeriggio di domenica. Un sensibile miglioramento è previsto a partire da lunedì con brusco calo delle temperature specie per martedì quando la temperatura minima prevista a Trento è di – 8 gradi.

 

(Previsioni di martedì)

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 13 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
14 maggio - 18:00
Il commissario per l'emergenza coronavirus, insieme a Fabrizio Curcio (capo della Protezione civile nazionale), accompagnato dal presidente della [...]
Politica
14 maggio - 16:37
L’ulteriore apertura della scuola dell’infanzia è prevista nel mese di luglio per le scuole a calendario ordinario, nel mese di giugno per le [...]
Cronaca
14 maggio - 15:54
Nell’occasione i due ragazzi avevano manifestato un’aggressività tale da costringere l’autista a interrompere la corsa del bus per [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato