Contenuto sponsorizzato

Furti e rapine, il prefetto Lombardi: ''Nessun allarme, situazione sotto controllo. Potenzieremo la presenza delle forze dell'ordine"

Il prefetto ha rassicurato i sindaci impegnandosi a mettere in campo una maggiore presenza delle forze dell'ordine sul territorio. Da parte della Provincia, invece, la disponibilità a discutere su ulteriori stanziamenti per rafforzare l'organico della polizia locale e consentire anche il presidio notturno nei comuni di Ala e Avio  

Pubblicato il - 31 ottobre 2019 - 20:19

TRENTO. “I dati e i casi rilevati non indicano nessun allarme. Potenzieremo i controlli con il personale che abbiamo in organico, rimane importante l'attenzione di tutta la comunità”. Queste le parole del prefetto Sandro Lombardi che stamani ha preso parte al Comitato provinciale per l'ordine pubblico e la sicurezza convocato dopo la richiesta del presidente della provincia Maurizio Fugatti.

 

L'input sarebbe arrivato dai recenti furti che hanno interessato  alcune abitazione della Vallagarina e di Trento sud ma anche a seguito della rapina con coltello avvenuta in via Perini a Trento (Qui l'articolo).

 

Al tavolo, convocato al Commissariato del Governo, oltre a Fugatti e Lombardi, erano presenti i rappresentanti delle varie forze dell'ordine che operano sul territorio e i sindaci di Ala, Claudio Soini, e  di Avio, Federico Secchi. I due territori sono stati recentemente interessati da una serie di furti. “Siamo soddisfatti di questo tavolo – hanno spiegato i sindaci all'uscita dalla riunione – la preoccupazione delle persone è tanta e la tempestività con la quale è stato convocato questo incontro dimostra che le istituzioni sono vicine ai cittadini”.

 

Le richieste arrivate dagli amministratori sono chiare e riguardano da un lato il potenziamento dell'organico dei Carabinieri presenti sul territorio, dall'altro un rafforzamento anche del corpo di polizia locale, con nuovi stanziamenti da parte della Provincia. “La polizia locale Ala-Avio è associata – hanno spiegato – nel momento in cui si riuscisse ad ampliare la pianta organica vorremmo fare anche un servizio di controllo notturno”. Ala e Avio assieme fanno circa 13 mila abitanti e su 12 vigili previsti in organico ce ne sono solo 8 di operativi.

 

Quella di un incremento del personale della polizia locale è una richiesta che trova l'apertura della Pat che si dice pronta a discutere la proposta. “L'incontro è stata un'ottima occasione per i sindaci di manifestare le preoccupazione della comunità – ha affermato il presidente Fugatti – ci è stato spiegato che al momento non esiste una situazione di rischio e pericolo reale. Probabilmente ci sono fatti che si sono uniti nel tempo ma è stata comunque garantita un'alta attenzione”. Sull'organico della polizia locale Fugatti ha sottolineato la sensibilità della sua Giunta sul tema: "Se c'è la volontà di aumentare i controlli nelle fasce dove oggi non sono presenti siamo a disposizione per discuterne”.

 

Anche il prefetto Lombardi ha voluto rassicurare i sindaci affermando che la presenza delle forze dell'ordine sul territorio sarà rafforzata, senza però che ci siano aumenti di organico. L'obiettivo, quindi, è quello di aumentare i servizi con il personale di cui già si dispone: “Non sono previsti ingressi – ha spiegato il prefetto – ma su Ala e Avio ci saranno comunque azioni aggiuntive, utilizzando il personale anche di altre stazioni e della polizia di stato. Inoltre saranno messi in campo dei servizi straordinari con il reparto prevenzione crimine”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato