Contenuto sponsorizzato

Inaugurato due settimane fa, il Muro della Memoria del lager di Bolzano è già rovinato. E' bastata la pioggia a mettere in crisi l'opera

Era il 25 ottobre quando istituzioni e cittadini assistevano all'inaugurazione dell'opera composta da 32 lastre di vetro incastonate nel muro d'acciaio dietro alle quali dei ledwall proiettano i nomi di 8.000 deportati. Costata complessivamente quasi 200 mila euro dopo alcuni giorni di pioggia appare piena di incrostazioni e danneggiata

Pubblicato il - 10 November 2019 - 10:05

BOLZANO. E' durato due settimane: inaugurato in pompa magna solo il 25 ottobre scorso, il Muro del lager di via Resia appare già rovinato. E' bastato qualche giorno di pioggia per danneggiarlo e la cosa è stata subito segnalata dal consigliere comunale di Bolzano del Partito democratico Claudio Della Ratta: ''Pannello luminoso "danneggiato" dalla pioggia - scrive sulla sua pagina Facebook -. Da alcuni giorni la nuova struttura che evidenzia i nominativi dei deportati transitati per il lager di Bolzano, presenta evidenti incrostazioni che parrebbero di onerosa rimozione''.

 

Il memoriale (che ricorda il dramma legato alla storia e al passaggio nel lager bolzanino di migliaia di persone: ebrei, partigiani, rom, detenuti politici, militari italiani e alleati, disertori e renitenti alla leva di Salò) è composto da 32 lastre di vetro incastonate nel muro d'acciaio dietro alle quali dei ledwall proiettano i nomi di 8.000 deportati e l'intera opera (compresa anche del portale e dei pannelli) è costata al Comune di Bolzano 199mila euro (20mila donati da Autostrada del Brennero in occasione dei 60 anni della società). 

 


Una struttura importante che, oggi più che mai, serve a ricordare l'orrore vissuto da tutta Europa per colpa della mostruosa ideologia nazi-fascista. Una struttura che, giustamente, è stata inaugurata con grande trasporto e con le più alte istituzioni presenti. “Il Memoriale - aveva ricordato la presidente nazionale dell'Anpi Carla Nespolo - riafferma così una realtà storica: la Resistenza italiana fu fatto d’armi, ma anche opposizione sociale, civile e morale. L’istallazione Passaggio della memoria/Passage der Erinnerung è dunque un bene comune della memoria attiva, prezioso per l’oggi e per il futuro, nel segno di un prezzo altissimo pagato per libertà e democrazia, principi e valori che non possono conoscere stagioni”.  

 

 

Un bene comune che, però, nonostante abbia solo due settimane sembra già vecchia di decenni e abbandonato a sé stessa per come si presenta in questi giorni. E' bastata qualche giornata di pioggia intensa a ridurlo in questo stato. Ora la speranza è che vengano presto fatti gli interventi necessari a riqualificarlo e proteggerlo.

 


 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 January - 05:01

L'ex rettore ha analizzato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss e ha scoperto che nella settimana conclusa lo scorso 10 gennaio, su 1471 "nuovi" contagi segnalati in Trentino, solo 624 si riferivano alla settimana considerata e ben 847 erano casi arretrati segnalati con grande ritardo. In questo modo verificando molto tardi gli antigenici con i molecolari, se risultano negativi spariscono dalle statistiche se risultano positivi non entrano nel conteggio della settimana corrente perché classificati "arretrati"

18 January - 08:06

La strada in questione è quella che da Nago porta a Doss Casina sul monte Altissimo. Questa strada, per ordinanza del sindaco, è chiusa al traffico proprio per non esporre gli automobilisti ai pericoli dati dalla neve e dal ghiaccio

17 January - 20:47

E' un momento difficile per gli apicoltori in val di Sole. Un orso non è ancora andato in letargo e quindi è in costante ricerca di cibo. Nel mirino le arnie di diversi apicoltori solandri. Sergio Zanella: "Dovrebbe trattarsi dell'esemplare che è stato immortalato cibarsi dai cassonetti dell'immondizia a Bolentina. Siamo preoccupati perché riesce a introdursi negli spazi nonostante i recinti e le protezioni" 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato