Contenuto sponsorizzato

Torna a fare paura il monte Brione, un'altra frana e ci sono massi pericolanti

Ieri pomeriggio i vigili del fuoco di Arco sono stati allertati per un'altra frana più a nord rispetto a quella avvenuta lo scorso 19 novembre. Oggi ci saranno ulteriori verifiche da parte dei geologi 

Pubblicato il - 25 novembre 2019 - 08:20

ARCO. Continua a fare paura il monte Brione. Ieri pomeriggio i vigili del fuoco di Arco, attorno alle 16, sono stati allertati per una nuova frana. Dei massi si sono staccati dalla parete del monte precipitando su una zona coltivata e fortunatamente senza creare particolari danni.

 

La frana di ieri è avvenuta in una zona più a nord rispetto al crollo del 19 novembre che ha portato alla chiusura della strada statale 240 (QUI L'ARTICOLO). In quella occasione una scarica di enormi massi si è abbattuta sulla ciclabile che collega Riva del Garda con Torbole, proprio all’altezza dell'hotel Baia Azzurra dove sono arrivati anche alcuni detriti.

 

I distacchi dimostrano l'instabilità del versante orientale del monte Brione. La situazione è sotto osservazione sia da parte dei vigili del fuoco che da parte dei geologi della provincia. Questo pomeriggio ci saranno ulteriori interventi di monitoraggio e di disgaggio. Si deciderà poi se riaprire la viabilità o mantenerla chiusa per sicurezza.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 gennaio - 05:01

Nell'arco di due settimane si dovrebbe completare la seconda fase di somministrazione nelle Rsa Trentine. Nei prossimi giorni è stato chiesto un tavolo con la Provincia per ridiscutere assieme i protocolli di sicurezza e consentire una riapertura graduale delle strutture consentendo anche un ritorno degli abbracci

26 gennaio - 07:54

Ieri a parlare è stato lo zio del giovane indagato per l’omicidio dei genitori e l’occultamento dei cadaveri dichiarando che secondo lui "Sicuramente non è stato un allontanamento volontario o un incidente" e sulla possibilità che i due corpi siano nel fiume ha dichiarato che potrebbe essere anche un depistaggio 

25 gennaio - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato