Contenuto sponsorizzato

Trentino Sviluppo chiude il bilancio con 4,2 milioni di utile. Turismo: crescono arrivi e presenze

Conto economico approvato in assemblea, il patrimonio gestito di 1,1 miliardi di euro. Marketing territoriale: ''Negli ultimi 5 anni aumentati gli arrivi del 26,2% e le presenze del 18,1%''

Pubblicato il - 27 giugno 2019 - 17:04

TRENTO. Approvato il bilancio d'esercizio 2018 di Trentino Sviluppo: il conto si chiude con un patrimonio gestito di 1 miliardo e 151 milioni di euro e 4,2 milioni di utile (al netto di ammortamenti per 2,8 milioni di euro e accantonamenti ai fondi rischi e oneri per 1,1 milioni). Per il turismo (con Trentino Marketing) si registra una crescita di arrivi e presenze, soprattutto di visitatori provenienti da Paesi esteri.

 

Oggi l'approvazione del documento contabile da parte dell'assemblea dei soci; la chiusura vede inoltre un valore della produzione pari a 21,5 milioni di euro.

 

Dal supporto alle migliori idee di business dei giovani ricercatori attraverso strumenti di finanza alternativa, alle operazioni sugli asset produttivi e su quelli turistico-funiviari, la società di sistema provinciale è entrata in contatto con oltre 3.000 imprese provenienti dal territorio trentino e da altre regioni d'Italia e dall'estero.

 

Di queste oltre 300 hanno partecipato a seminari, missioni commerciali o incoming di operatori economici stranieri per affacciarsi o consolidare la propria presenza sui mercati esteri, 27 sono state accompagnate in percorsi personalizzati di insediamento.

 

Bene anche lo sviluppo immobiliare: in Progetto Manifattura procedono i lavori alla Be Factory, per la realizzazione degli oltre 25.000 metri quadrati di spazi produttivi a basso impatto ambientale che saranno ultimati nella primavera 2020.

 

Nei numeri del bilancio d'esercizio rientra poi Trentino Marketing (controllata di Trentino Sviluppo con gestione autonoma) che agisce nell'ambito della promozione turistica territoriale. Le cifre fornite, in questo caso, mostrano che per il turismo il 2018 è stato un anno d'oro.

 

Il turismo ha visto (secondo i numeri di Trentino Sviluppo) "una crescita costante negli ultimi 5 anni di arrivi (+26,2%) e presenze (+18,1%) soprattutto internazionali (+21,6%)".

 

A chiusura d'anno emerge che le presenze nelle stagioni primavera e autunno hanno fatto registrare una grande crescita, rispettivamente del 21,2% e 23,8%. Superiore ai 300 milioni di euro è l'indotto portato dall'organizzazione di eventi (internazionali, con particolare focus su sport, l’enogastronomia e la cultura).

Al progetto "Trentino guest card" al 31 dicembre 2018 si contavano poi circa 1.600 strutture ricettive aderenti, per un totale di oltre 518.000 turisti coinvolti e un incremento del 100% rispetto al 2015 delle persone trasportate sui mezzi pubblici tramite la card.

"L'attività di supporto alla commercializzazione della destinazione Trentino prosegue - fanno sapere sempre da Trentino Sviluppo - sia sui Paesi tradizionalmente presidiati che sulle nazioni europee con un interessante potenziale di crescita. Sono in fase di esplorazione nuovi mercati come la Cina, la Corea, il Canada, il Brasile e gli Stati Uniti".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 settembre - 17:13

Dopo i 21 sindaci eletti nelle scorse ore ancor prima della chiusura dei seggi, altri candidati al municipio sono riusciti a intercettare i voti necessari per farsi eleggere e evitare il commissariamento. Ecco l'elenco dei primi cittadini

21 settembre - 17:31

L'attuale presidente della Pat sembra impegnarsi al massimo per ottenere il record di bocciature e sospensioni di ordinanze, leggi e provvedimenti. Per lui e Zanotelli il falso attacco avrebbe dimostrato la pericolosità dell'orsa ma il Pacobace parla chiaro ed è di tutt'altro parere 

21 settembre - 17:59

Per il momento, con circa 150 seggi scrutinati, la Coalizione di Centrosinistra guidata da Giani è in vantaggio sulla leghista Ceccardi. Il Pd stacca di 10 punti percentuali la Lega, mentre al referendum il “sì” è attorno al 66%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato