Contenuto sponsorizzato

Tribunale di Trento, un armadio rotto blocca i processi

Il problema è stato già segnalato alla Regione che ha la delega in materia di giustizia. All'interno dell'armadio ci sarebbero oltre 2 mila fascicoli

Pubblicato il - 08 maggio 2019 - 10:07

TRENTO.Giustizia civile bloccata a causa di un armadio automatico rotto a fine marzo e che fino ad oggi nessuno ha sistemato. Sta accadendo al tribunale di Trento nella cancelleria civile dove circa duemila fascicoli sono pressoché inaccessibili causando il blocco dei processi e il rinvio delle udienze.

 

Il guasto è stato segnalato immediatamente agli uffici della Regione che ha la delega in materia di giustizia ed è stato anche sollevato con un'interrogazione depositata dalla consigliera provinciale di Futura, Lucia Coppola.

 

“L'armadio – spiega la consigliera - grande 8-10 metri circa, contiene un grandissimo numero di fascicoli la cui estrazione e consultazione sono essenziali al fine dello svolgimento delle udienze stesse. Questo inconveniente quindi comporta uno slittamento delle udienze allungando così i già tristemente noti 'lunghi tempi della giustizia'”.

 

Le sollecitazioni fatte agli uffici della Regione fino ad oggi non sembrano aver ottenuto alcun risultato. Lucia Coppola chiede “come sia possibile che non si sia provveduto a risolvere celermente le problematiche dopo le richieste di intervento giunte in Regione”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 18:52

Gli affari non girano nemmeno con le promozioni messe in campo con il "Black Friday" e tanti negozianti trentini si trovano in difficoltà. "Le persone hanno paura, non sono serene nel fare gli acquisti e questo sta avendo delle conseguenze disastrose su tutto il tessuto economico" ci dicono 

27 novembre - 19:40

Anche oggi, come quasi sempre negli ultimi giorni, si è verificato il sorpasso dei guariti rispetto ai nuovi contagiati trovati 

27 novembre - 18:46

Il presidente ha spiegato che, non domani, ma sabato 5 dicembre potrebbero tornare aperti i negozi e i centri con metratura superiore ai 240 metri quadri e sulle seconde case: ''A Natale dovrebbe essere tutta Italia zona gialla e quindi se la legge resta questa si potrà circolare tra le regioni''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato