Contenuto sponsorizzato

A Rio Pusteria segnalati gestore e dipendente di un locale per violazione delle norme anti-Covid e multati 25 clienti perché senza mascherina

La compagnia di Bressanone ha compiuto una serie di controlli e interventi nel weekend. Denunciata una persona per porto d'armi abusivo in macchina e un'altra perché sul terrazzo coltivava sei piante di marijuana

Pubblicato il - 19 October 2020 - 13:38

BRESSANONE. Per le normative anti-Covid sono stati segnalati il gestore e una dipendente di un locale di Rio di Pusteria, notoriamente frequentato da giovani,  per non aver evitato assembramenti all'interno del locale e per non aver mantenuto le distanze di sicurezza. Venticinque clienti del medesimo esercizio pubblico sono altresì stati sanzionati per non aver fatto utilizzo delle mascherine. Questo il bilancio dei controlli nel weekend della compagnia carabinieri di Bressanone per quanto riguarda il rispetto delle regole che cercano di evitare il diffondersi del contagio, come noto sempre più preoccupante in Alto Adige con livelli di positivi giornalieri mai raggiunti prima e l'apparato sanitario sempre più in affanno.

 

I militari hanno svolto mirati controlli nell’area di competenza, tra la bassa Pusteria e la val d’Isarco e, ovviamente, hanno anche fatto controlli e verifiche rispetto ad ogni potenziale rischio e reato. E così oltre ai 25 sanzionati perché non utilizzavano le mascherine si sono contati altre sei persone per abuso di bevande alcoliche e di stupefacenti, specie da parte dei minori.

 

Per la violazione delle norme sulle sostanze stupefacenti è stata denunciata una persona residente a Bressanone, per aver coltivato sul terrazzo di casa, all'interno di un locale appositamente allestito, sei piante di marijuana, oggetto di sequestro per le successive analisi che avverranno nel laboratorio analisi sostanze stupefacenti dei carabinieri di Laives.

 

 

Per porto abusivo di armi i carabinieri hanno denunciato una persona residente a Bressanone. Nella sua auto i militari hanno trovato un manganello telescopico in metallo della lunghezza di sessantacinque centimetri. I bastoni telescopici in metallo (manganelli) per la loro natura finalizzata all’offesa della persona sono considerati armi nell’ordinamento italiano.

 

In applicazione delle norme del codice della strada i carabinieri hanno ritirato una patente e sequestrato un’autovettura per guida in stato di ebbrezza alcolica a un giovane di Bressanone, reduce da una festa di compleanno. Hanno inoltre ritirato la patente a un cittadino slovacco poiché a suo carico pendeva un provvedimento internazionale, in ambito europeo, di ritiro del documento, richiesto dalla polizia slovacca. Complessivamente, nel corso dell’attività preventiva, sono state identificate quarantacinque persone e controllati tre esercizi pubblici.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
03 dicembre - 12:20
L'intervento è arrivato dopo i sequestri delle aree avvenuti nei giorni scorsi da parte Nucleo Operativo Ecologico di Trento
Politica
03 dicembre - 10:41
Dopo diversi dissidi interni al partito, il governatore altoatesino in una lettera ai vertici si ripropone come capolista della Svp per le prossime [...]
Cronaca
03 dicembre - 12:39
Dopo i primi messaggi su Facebook l'uomo si era fatto più insistente e lei lo aveva bloccato. Lui ha continuato a contattarla tra mail e [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato