Contenuto sponsorizzato

Addio a Paolo Foradori, padre del Pinot Nero altoatesino e colonna portante per tutto il sistema vitivinicolo del Trentino Alto Adige

Nato a Bolzano nel 1935 è il discendente di una famiglia di origine trentina. La svolta arrivò nel 1959, quando Paolo Foradori sposò Sieglinde Oberhofer, discendente della nota famiglia vitivinicola Hofstätter di Termeno. Negli anni Cinquanta, quando fece rientro dalla Germania caricò sulla sua auto alcune barbatelle di Kerner nel baule per sperimentare come primo in Italia la coltivazione di questo vitigno. Quando lo fermarono alla frontiera nel mezzo di una bufera, raccontò che servivano per bloccare le ruote dell’auto perché non scivolasse sulla neve 

Di L.P. - 22 December 2020 - 11:49

BOLZANO. Padre del Pinot Nero altoatesino, colonna portante per tutto il sistema vitivinicolo regionale, figura centrale per la valorizzazione del Gewürztraminer interpretato con eleganza e inserito con tenacia nella carta dei vini dei migliori ristoranti italiani e non solo. Si è spento questa notte a 85 anni Paolo Foradori.

 

Una perdita enorme per quello che è stato una delle personalità più influenti del mondo vitivinicolo nazionale che ha segnato la storia dell’azienda Hofstätter e non solo. Riconosciuto come il padre del Pinot Nero altoatesino, egli ha contribuito a scrivere la storia recente dell'enologia italiana. È stato lui ad intuire il valore del terroir di Mazon, l’altopiano in cui ancora oggi l’azienda Hofstätter produce i suoi rinomati Pinot Nero ed è sua la battaglia per l’introduzione della “Vigna” in etichetta. Sempre a lui si deve la valorizzazione del Gewürztraminer.

 

Spirito d’iniziativa, voglia di fare, capacità di sperimentare ancora oggi molti viticoltori seguono il suo pensiero all’avanguardia. Nato a Bolzano nel 1935 è il discendente di una famiglia di origine trentina. Suo padre Vittorio Foradori, allora avvocato e appassionato di viticoltura, compra negli anni Trenta tre masi con terreni annessi sull’altopiano di Mazon, sopra il paese di Egna, in Alto Adige. Contrariamente all’idea del padre, che per suo figlio intravedeva la carriera in uno studio legale, Paolo Foradori decise di intraprendere la carriera enologica.

 

La svolta arrivò nel 1959, quando Paolo Foradori sposò Sieglinde Oberhofer, discendente della nota famiglia vitivinicola Hofstätter di Termeno. Nacque così l’attuale tenuta che – cosa unica per una azienda a conduzione famigliare – possiede vigneti sull’una e sull’altra sponda della Valle dell’Adige. La sua vita è piena di aneddoti curiosi come questo: negli anni Cinquanta, Paolo aveva scelto di andare in Germania per formarsi e seguire la sua passione per la viticoltura. Quando fece rientro in Italia caricò sulla sua auto alcune barbatelle di Kerner nel baule per sperimentare come primo in Italia la coltivazione di questo vitigno.

 

Quando lo fermarono alla frontiera nel mezzo di una bufera, raccontò che servivano per bloccare le ruote dell’auto perché non scivolasse sulla neve. È il ritratto di un uomo che ha saputo distinguersi per eleganza ma anche per una geniale ironia oltre che per uno spessore culturale capace di conquistare anche i più giovani. Diplomato al liceo classico, formatosi sul campo, ha saputo lasciare il segno con vini come il Vigna S.Urbano, Pinot Nero rinomato il tutto il mondo, ma soprattutto con una rara raffinatezza e un’intelligenza fuori dal comune. A Paolo Foradori il Consorzio Vini Alto Adige ha dedicato di recente un video che racconta le più influenti personalità del mondo vinicolo dell’Alto Adige. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 January - 20:28

Sono 297 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi, mentre sono 38 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

 
 
20 January - 19:22

Il Trentino è il territorio più penalizzato dai tagli sulle forniture operati da Pfizer: calo del 60% sulle dosi. Segnana: Possiamo comunque garantire la continuità delle vaccinazioni a coloro che si erano prenotati, compresi i volontari delle Croci. Poi inizieremo a fare la seconda dose”

20 January - 18:12

Sono state registrare 29 dimissioni e 278 guarigioni. Il numero dei pazienti ospedale scende sotto le 300 persone. Analizzati quasi 4 mila tamponi. Sono state confermate 80 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato