Contenuto sponsorizzato

Alcuni studenti fuori dalla scuola con materassini e pc per seguire ''in presenza'' la Didattica a distanza

E' successo questa mattina a Rovereto. Le ragazze e i ragazzi hanno seguito le lezioni in questa modalità dopo che da oggi è scattata la Dad al 100% alle superiori anche in Trentino

Di Luca Pianesi - 09 novembre 2020 - 16:20

ROVERETO. Continuano le proteste contro la Didattica a distanza. Oggi alcuni studenti della 2^ ASP del Rosmini di Rovereto hanno voluto esprimere la loro idea sulla chiusura totale delle scuole e lo hanno fatto con questa manifestazione di organizzata proprio fuori dalla scuola con materassini e pc al seguito: hanno seguito le lezioni online a pochi passi dalle loro aule, comunque, vicini tra loro, per una ''presenza a distanza'' che ha rappresentato una bella forma di protesta.

 

Oggi, infatti, anche in Trentino è scattata la Dad al 100% per le scuole superiori. Un provvedimento difficile, che, certamente, non soddisfa nessuno ma che, purtroppo, vista la gravità del momento pare l'unica soluzione per porre freno a un contagio che non pare arrestarsi e che si fa sempre più preoccupante. I decessi aumentano, gli apparati sanitari sono sempre più provati ed è chiaro che ridurre le ''uscite'', le occasioni di incontro delle persone e, soprattutto, quelle scene che abbiamo visto per settimana in Trentino con gli autobus strapieni e le fermate sovraccariche di ragazzi, spesso senza mascherina e mai (perché è praticamente impossibile in quei contesti) distanziati tra loro. 

 


 

Fortunatamente, però, viviamo in un contesto dalle mille risorse sul piano tecnologico e così quello che non si sarebbe mai nemmeno immaginato di fare vent'anni fa, oggi è possibile e quindi gli studenti hanno la fortuna di poter comunque proseguire la scuola senza essere abbandonati a sé stessi. Comprensibile e condivisibile, comunque, l'iniziativa degli studenti che, giustamente, ribadiscono che tra Dad e didattica in presenza non c'è confronto e che la sola didattica a distanza non basta per la loro formazione.

 

D'altronde a livello governativo, anche per questo, da settimane si stava cercando di promuovere la didattica a distanza al 50% per le superiori e si era chiesto alle amministrazioni locali di organizzarsi per ingressi scaglionati così da contenere la curva del contagio e permettere una didattica in presenza alternata a quella a distanza. Il Trentino ha ''resistito'' fino all'ultimo per non cambiare niente rispetto al solito fino all'ultimo quando, con l'ultimo Dpcm, è stato costretto a spostare al 100% la didattica delle superiori a distanza.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no

21 gennaio - 19:47

Sono 279 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 27 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

21 gennaio - 20:22

L'albergo su corso Rosmini nel centro storico della città della Quercia resta operativo e cerca di reggere un mercato profondamente stretto e diverso. Marco Zani: "Cerchiamo anche di mettere in rete le peculiarità della zona, la vicinanza del Monte Baldo, la Campana dei caduti e i musei, così come le tante possibilità offerte dalla Vallagarina. Ideato offerte speciali per fa lavorare anche il ristorante la sera"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato