Contenuto sponsorizzato

Anche in Trentino c'è il Pfas, sostanze rinvenute nel Chiese. Indagini difficili perché contaminazione lontana nel tempo

Gli approfondimenti e le attività sono ancora in corso e sono rese particolarmente difficoltose a causa della contaminazione molto lontana nel tempo. La Provincia prosegue i monitoraggi mediante una cabina di regia istituita durante l'estate scorsa per verificare le cause e l'evoluzione, le prospettive e il risanamento

Pubblicato il - 04 febbraio 2020 - 18:12

TRENTO. Sono state rinvenute tracce di Pfas anche in Trentino. L'Appa ha rilevato la presenza di queste sostanze nel basso Chiese, le indagini hanno permesso di restringere la zona e formulare alcune ipotesi sulla provenienza.

 

Gli approfondimenti e le attività sono ancora in corso e sono rese particolarmente difficoltose a causa della contaminazione molto lontana nel tempo. La Provincia prosegue i monitoraggio mediante una cabina di regia istituita durante l'estate scorsa per verificare le cause e l'evoluzione, le prospettive e il risanamento. 

 

Le attività di Appa per monitorare e verificare la presenza di sostanze perfluoroalchiliche o Pfas, composti chimici usati prevalentemente nell’industria, sono partite nel 2018 su indicazione del Ministero dell’ambiente per rispondere anche alle normative e direttive europee. Vi è stata anche una mozione del consigliere provinciale Alex Marini per individuare la fonte della contaminazione. 

 

 Dopo il documentario del giornalista trentino Andrea Tomasi (qui articolo), in cui si denuncia nel territorio tra le province di Verona, Padova e Vicenza, “la più grande contaminazione avvenuta in Italia”, una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica Endocrine ha rivelato attraverso un'indagine della Fondazione Foresta Onlus l'incidenza dei pfas a livello scheletrico (Qui articolo).

 

Il monitoraggio in Trentino ha coinvolto tutti i principali corsi d’acqua. Attualmente, come anticipato, è stata registrata una presenza modesta di Pfas nel territorio del Chiese. Ma gli uffici provinciali intendono portare avanti le operazioni di approfondimenti e analisi. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 15:55

L’accesso al drive through è possibile solo su appuntamento: la centrale Covid gestisce le agende e fornisce ai singoli indicazioni sulle sedi, gli orari e le modalità di effettuazione del tampone

26 ottobre - 16:14

L’allarme lanciato da alcuni medici del Santa Chiara: Una situazione di sovraccarico lavorativo cronica, che espone a rischio di sicurezza sia i pazienti che il personale medico”. Degasperi: “Le criticità segnalate erano già state evidenziate un anno fa ma con il passare del tempo si sono acuite, perché nessuno ha fatto nulla?

26 ottobre - 20:41

Secondo Fugatti ci sono ancora “migliaia e migliaia di persone che attendono la cassa integrazione”, ma per il segretario della Cgil è vero solo in parte e soprattutto anche la Provincia è in ritardo: “Dei circa 15 milioni promessi ai lavoratori solo una minima percentuale è stata erogata”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato