Contenuto sponsorizzato

Come riciclare i rifiuti in emergenza coronavirus: “Positivi o in quarantena obbligata stop alla differenziata”

I positivi al coronavirus non dovranno più effettuare la raccolta differenziata, l’immondizia andrà smaltita all’interno di due o tre sacchi resistenti. La Pat: “Non fate entrare in contatto i vostri animali da compagnia con i rifiuti”. ECCO IL PIEGHEVOLE

Pubblicato il - 15 marzo 2020 - 09:49

TRENTO. Difronte all’emergenza coronavirus, al di la delle ovvie difficoltà nel settore sanitario, si aggiungono le criticità derivanti da tutti quei servizi che vengono sospesi o che subiscono delle variazioni. Fortunatamente, almeno per il momento, la raccolta dei rifiuti non è stata compromessa, questo anche grazie allo sforzo dei tanti operatori che lavorano nel settore.

 

Si pone però il problema di come riciclare i rifiuti durante l'emergenza coronavirus, se per la stragrande maggioranza delle persone non ci saranno variazioni il discorso cambia per chi è positivo o si trova in quarantena obbligatoria o in isolamento (benché non positivo al coronavirus).

 

 

Per queste categorie di persone stop alla differenziata, tutti i rifiuti infatti andranno gettati nel contenitore dell’indifferenziata, usando la cautela di riporre l’immondizia all’interno di due o tre sacchetti il più resistenti possibile.

 

Anche fazzoletti, rotoli di carta, mascherine, guanti e teli monouso andranno gettati nell’indifferenziata avendo la premura di utilizzare guanti monouso e sigillando bene i sacchetti. Una volta chiusi i sacchetti i guanti andranno riposti all’interno di un nuovo sacco.

 

Si chiede anche di smaltire i rifiuti quotidianamente, inoltre gli animali da compagnia non dovranno accedere al locale dei rifiuti o entrare in contatto con essi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 12:06

Il bilancio resta a 296 morti, mentre i contagi salgono a 5.549 casi da inizio epidemia. Ci sono 106 pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri, mentre sono 8 le persone che ricorrono alla terapia intensiva. Sono 25 i cittadini in isolamento nella struttura di Colle Isarco

22 ottobre - 13:20

E' successo in tarda mattinata e sul posto sono interventi i vigili del fuoco e le forze dell'ordine. Non si conoscono al momento le cause che hanno fatto scoppiare l'incendio 

22 ottobre - 12:45

Alberti è anche l’autore del celebre Cristo Silente, la grande scultura che si trova nelle acqua del Garda a porto San Nicolò. Oltre all’arte, la sua vita è stata dedicata alla famiglia e alla collettività, con l’impegno nel volontariato e in Consiglio comunale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato