Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Alto Adige zona rossa. Nelle ultime 24 ore quasi 600 nuovi contagi. Ci sono altri 4 morti

I laboratori dell'azienda sanitaria  su 2241 tamponi hanno registrato ben 598 nuovi positivi. Aumenta anche la pressione sugli ospedali con nuovi ricoveri e persone in terapia intensiva 

Pubblicato il - 09 November 2020 - 12:31

BOLZANO. Da mezzanotte l'Alto Adige è zona rossa a causa del continuo peggioramento della situazione epidemiologica che ha portato il governatore Kompatscher ad adottare misure più rigide su tutto il territorio. (QUI L'ARTICOLO)

 

Anche oggi i dati non sono per nulla buoni. I laboratori dell'Azienda sanitaria hanno registrato nelle ultime 24 ore un numero di positivi che sfiora le 600 unità. Su 2241 tamponi, ben 583 contagi (invece di 598 come comunicato in un primo momento. L'azienda sanitaria nel pomeriggio ha spiegato che "secondo un chiarimento arrivato oggi dal Ministero della Salute, i risultati positivi di test antigenici eseguiti a pazienti sintomatici e non ancora confermati da un test Pcr positivo non sono da includere nel numero delle nuove infezioni). Un numero questo, viene specificato nella nota dell'azienda sanitaria,  comprende anche i test antigeni risultati positivi per persone sintomatiche.

 

Aumentano anche le persone che in questo momento sono state ricoverate in ospedale. Sono 320 i malati per covid ricoverati, con un aumento di 17 persone rispetto a ieri. Le terapie intensive, invece, salgono a 41.

 

Purtroppo anche oggi si registrando 4 decessi.

 

I numeri in breve:

Tamponi effettuati ieri (08 novembre): 2.241

Nuovi casi positivi (inclusi i test antigeni risultati positivi per persone sintomatiche): 598

Numero delle persone testate positive da PCR al coronavirus: 13.709 

Numero complessivo dei tamponi effettuati: 258.543 

Numero delle persone sottoposte al test PCR: 131.696 (+1.373)

Pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri: 320

Pazienti Covid-19 ricoverati nelle strutture private convenzionate: 91

Pazienti Covid-19 in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes: 113 (91 a Colle Isarco e 22 a Sarnes)

Numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva: 41

Decessi complessivi (incluse le case di riposo): 345 (+4) 

Persone in isolamento domiciliare: 8.312 (delle quali 10 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta)

Persone che hanno concluso la quarantena e l'isolamento domiciliare: 34.932 (delle quali 1.541 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta)

Persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento: 43.244

Persone guarite: 4.950 (+152). A queste si aggiungono 1.063 (+7) persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate negative al test. Totale: 6.013 (+159) 

Collaboratori dell'Azienda sanitaria positivi al test: 368, 231 guariti   

Medici di medicina generale e pediatri di libera scelta positivi: 21 (15 guariti)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 January - 05:01

Un punto appare fermo: la data del 15 febbraio è un po' l'ultima chiamata. L'inverno è compromesso da tempo e siamo già ai tempi supplementari di una stagione mai partita. Un discrimine forte potrebbe poi essere quello della mobilità: "Si deve distinguere tra turismo e servizio alla collettività. Persi circa 30 milioni di euro solo per la società impianti''

25 January - 10:34

"Motivi personali" all'origine della temporanea sostituzione del direttore del Muse, Michele Lanzinger: "Sarò sostituito da Massimo Eder fino al 22 febbraio". Il museo sotto la sua guida è riuscito in questi anni a macinare record su record. La sostituzione momentanea  contenuta in una delibera che vede come relatore il presidente Maurizio Fugatti 

25 January - 09:52

Il fiuto dei cani antidroga è risultato decisivo per il sequestro di diverse decine di grammi di sostanze stupefacenti. I controlli degli agenti della questura si è concentrato su alcuni locali noti per la presenza di soggetti connessi allo spaccio, che alla vista delle forze dell'ordine hanno cercato inutilmente di disfarsi delle dosi di cui erano in possesso

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato