Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, buone notizie sulle bollette per oltre 100.000 famiglie trentine. Fugatti: ''Sui prezzi nei supermercati parte della Cooperazione ha risposto poco''

Dalle tariffe notturne applicate nei mesi di marzo e aprile alla sospensione dei pagamenti relativi ai canoni acqua, fognature e depurazione sono molti gli interventi di Dolomiti Energia per aiutare le famiglie

Di Luca Pianesi - 24 April 2020 - 19:06

TRENTO. Mentre sono in arrivo i camici ''made in Trentino'' ci sono buon notizie per le famiglie trentine che arrivano dal fronte bollette. Dolomiti Energia, infatti, ha previsto sgravi e posticipato molti pagamenti. Lo ha spiegato il presidente Fugatti in conferenza stampa chiarendo che da un lato ''Dolomiti Energia ha previsto la sospensione temporanea per marzo e aprile delle tariffe biorarie a favore della tariffazione notturna. Un'iniziativa questa - ha spiegato - che permette a 109 mila famiglie trentine di mitigare i costi''.

 

Ma non è tutto: ''Ci saranno 112 mila famiglie e aziende trentine per le quali Dolomiti Energia spiega di aver provveduto alla sospensione dei pagamenti relativi ai canoni acqua, fognature e depurazione fino al 30 settembre 2020, anche relativamente alle fatture già inviate senza addebito di interessi, alla sospensione delle fatture non ancora emesse relative ai canoni di acqua, fognature e depurazione fino al 30 luglio 2020 e alla sospensione del pagamento delle fatture TARI emesse o da emettere fino al 30 settembre 2020''.

 

Inoltre l'azienda ha dimostrato la propria disponibilità verso la valutazione di singole richieste delle imprese associate a Confcommercio Trentino per il differimento e la dilazione delle scadenze, a patto che gli importi superino i 500 euro. Il rientro dalle dilazioni potrà essere effettuato ratealmente nei mesi di settembre, ottobre e novembre, senza l'applicazione di interessi. La richiesta, in ogni caso, dovrà essere formulata unicamente dagli operatori economici aventi le attività sospese per effetto dei provvedimenti governativi relativi al Covid-19.

 

Il presidente della Pat ha poi annunciato che lunedì arriveranno i camici prodotti dallo stabilimento trentino di Calzedonia (si tratta di 3.000 dpi). E poi una stoccata alla Cooperazione del Trentino rispetto al fatto che in qualche supermercato, soprattutto, di periferia, ci sarebbero stati prezzi troppo alti. ''Devo ammettere che in qualche caso l'attenzione c'è stata - ha detto Fugatti - e in qualche caso, invece, non c'è stata e una parte della cooperazione ha risposto poco. Noi abbiamo provato a chiedere di contenere i prezzi ma non sempre è successo. Non c'entrano i privati ma una parte della cooperazione che, lo ripeto, avrebbe potuto fare di più e credo abbia perso un'occasione''.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 aprile - 12:39
Nello stato di San Paolo in particolare una buona parte degli ospedali avrebbe esaurito le scorte di sedativi per i pazienti intubati che, secondo [...]
Ambiente
17 aprile - 19:34
Gli attivisti di StopCasteller contro la Giunta Fugatti: “Da mesi la Provincia non diffonde immagini e nasconde deliberatamente aggiornamenti [...]
Cronaca
18 aprile - 09:03
Un'operazione che ha coinvolto 12 province e in tutto sono state sequestrate  5.000 compresse, circa 150 fiale (con altrettante siringhe) e un [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato