Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Dolomiti Energia sospende il pagamento dei canoni fino a settembre

Dolomiti Energia ha risposto positivamente alla richiesta del presidente di Confcommercio Giovanni Bort di sospendere il pagamento dei canoni per le imprese, vista la difficile situazione economica e la chiusura di molte aziende. L'azienda dei multiservizi ha così rinviato le fatture a fine settembre

Pubblicato il - 23 aprile 2020 - 16:35

TRENTO. Dopo la richiesta inoltrata a metà marzo da Confcommercio Trentino a tutte le società multiservizio di differire il pagamento dei canoni delle utenze, da parte di Dolomiti Energia arriva un segnale positivo. Questa ha infatti comunicato di aver provveduto alla sospensione dei pagamenti relativi ai canoni acqua, fognature e depurazione fino al 30 settembre 2020 (anche relativamente alle fatture già inviate senza addebito di interessi), alla sospensione delle fatture non ancora emesse relative ai canoni di acqua, fognature e depurazione fino al 30 luglio 2020 e alla sospensione del pagamento delle fatture TARI emesse o da emettere fino al 30 settembre 2020.

 

L'azienda ha dimostrato inoltre la propria disponibilità verso la valutazione di singole richieste delle imprese associate a Confcommercio Trentino per il differimento e la dilazione delle scadenze, a patto che gli importi superino i 500 euro. Il rientro dalle dilazioni potrà essere effettuato ratealmente nei mesi di settembre, ottobre e novembre, senza l'applicazione di interessi. La richiesta, in ogni caso, dovrà essere formulata unicamente dagli operatori economici aventi le attività sospese per effetto dei provvedimenti governativi relativi al Covid-19.

 

Vorrei ringraziare Dolomiti Energia per la sensibilità dimostrata– ha commentato soddisfatto il presidente di Confcommercio Trentino Giovanni Bort – venir incontro alle esigenze delle imprese in questo momento così straordinario è un atto a nostro avviso doveroso ma non scontato. Grazie quindi alla società e all'intero board di gestione”.

 

La sospensione dei pagamenti rappresenterà dunque una boccata d'aria in un momento particolarmente difficile per l'economia. Nei giorni scorsi, lo stesso presidente di Confcommercio Trentino era stato protagonista di un appello a governo e Provincia affinché si accelerino le procedure di ripartenza. “In Trentino – aveva dichiarato – è stato bruciato 1 miliardo di Pil in un mese. Non è più sostenibile stare fermi”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 gennaio - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

27 gennaio - 20:46

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 2 decessi. Sono 20 i Comuni con almeno 1 nuova positività

27 gennaio - 21:02

Il deputato della Lega ha incassato l'interessamento dell'associazione Millions of friend in Romania a valutare la possibilità di ospitare un orso attualmente rinchiuso al Casteller. Maturi: "Ora bisognerà comprendere le eventuali incombenze burocratiche e perfezionare eventuali accordi, ma possiamo serenamente affermare che da oggi c'è un cambio di passo"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato