Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, chiude la prima scuola in Trentino Alto Adige: focolaio con 5 studenti positivi alle Gandhi

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Pubblicato il - 25 September 2020 - 16:21

BOLZANO. Focolaio nella scuola superiore Gandhi di Merano e chiusura precauzionale dell'istituto per due settimane. Continua a peggiorare la situazione in Alto Adige per quanto riguarda i positivi al coronavirus nelle scuole. Sono state già diversi gli istituti toccati dal virus che hanno visto chiudere classi e mettere in quarantena gli studenti e gli insegnanti (si pensi alle Pascoli di Bolzano o all'istituto tecnico Max Valier) ma oggi con l'impennata di positivi (52 nelle ultime 24 ore che si sommano ai 37 casi di ieri) la situazione si è complicata: sono stati registrati cinque nuovi casi di positività negli istituti di lingua italiana di Bolzano liceo classico Carducci, liceo scientifico Torricelli, Ite Cesare Battisti, scuola primaria Longon di Bolzano e scuola dell’infanzia Casa del Bosco.

 

Altri cinque, però, sono stati registrati al Gandhi di Merano. Per questo è stata disposta la chiusura precauzionale della scuola meranese per due settimane. Un ulteriore caso è stato registrato in tarda mattinata anche presso la scuola media in lingua tedesca di Merano. In tutto, dunque, i casi nelle scuole di oggi sono undici. Gli istituti scolastici hanno adottato tutte le procedure previste ed il protocollo di sicurezza ed hanno seguito le indicazioni stabilite dall’Azienda sanitaria per garantire la tutela della salute degli allievi, degli studenti e del personale scolastico. A Bolzano gli allievi, gli studenti e le studentesse delle classi interessate sono in quarantena preventiva e in attesa di comunicazione dell’ASL per effettuare il tampone. Le aule e le zone interessate saranno sanificate nel più breve tempo possibile. In alcune classi è già stata attivata la didattica digitale integrata come prevista dal piano digitale d’istituto. 

 

 

Nello specifico alla Gandhi di Merano dopo gli opportuni confronti e le indicazioni fornite dal Dipartimento di prevenzione, competente in materia di individuazione e contrasto ai fattori di rischio che possono nuocere alla salute, il dirigente dell’istituto ha disposto la sospensione dell’attività didattica in presenza per tutte le classi per due settimane, a decorrere da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso. La decisione è stata presa in accordo con la Sovrintendenza scolastica di Bolzano, al fine di ridurre una potenziale dilatazione dei casi di Covid-19 all’interno dell’istituto.

 

Si tratta quindi, come sottolineato dal dirigente stesso, di una misura prettamente precauzionale, volta a proteggere innanzitutto la salute dei propri studenti e studentesse e delle rispettive famiglie. “Chiediamo - spiega il dirigente - a tutti gli studenti, genitori, docenti e operatori scolastici, che dovessero presentare nei prossimi giorni sintomi riconducibili al Covid-19, di rivolgersi prontamente al pediatra di libera scelta o al medico di medicina generale”. La didattica continuerà attraverso attività a distanza, secondo le indicazioni previste nel piano digitale per la didattica integrata approvato dall’istituto. “In questo momento – sottolinea l’assessore competente – stiamo gestendo con senso di responsabilità e serietà questa situazione di emergenza nelle scuole, che continueranno ad andare avanti, seguendo, quando necessario, percorsi didattici alternativi a quelli in classe”. 

 

Il Sovrintendente Vincenzo Gullotta sottolinea: “In momenti come questi è fondamentale mantenere viva la comunità di classe e il senso di appartenenza alla propria scuola. Ecco perché abbiamo incoraggiato le scuole ad attivare in concomitanza con l’inizio dell’anno scolastico un piano digitale per la didattica integrata, approvato poi dai rispettivi Collegi docenti. È essenziale non interrompere il percorso di apprendimento per ogni studente”. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 aprile - 06:01
Nei giorni scorsi è arrivata la conferma della positività a seguito dei tamponi. Sei ospiti della Residenza Fersina sono stati trasferiti in una [...]
Cronaca
22 aprile - 19:45
Trovati 104 positivi, comunicati 4 decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 104 guarigioni. Sono 1.251 i casi attivi sul territorio [...]
Politica
22 aprile - 21:20
Il "vecchio" progetto ha già concluso buona parte dell'iter da parte degli uffici. Il nuovo piano è invece ancora tutto da scoprire. L'ex [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato