Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, escono di casa per fare jogging uno vicino all'altro, ora rischiano 400 euro di multa a testa

Ad individuarli sono stati gli agenti della polizia delle Giudicarie grazie anche alle immagini di sorveglianza del Comune 

Foto Fb Polizia Giudicarie
Pubblicato il - 08 aprile 2020 - 09:18

PORTE DI RENDENA. Non si preoccupavano dei divieti e nel pomeriggio uscivano a fare jogging uno vicino all'altra. A finire nei guai perché non hanno rispettato le direttive per il contenimento del coronavirus sono stati un ragazzo e una ragazza individuati dagli agenti della polizia delle Giudicarie.

 

Il fatto è avvenuto a Porte di Rendena dove i due sono stati visti praticare l'attività sportiva. Le indagini per capire chi fossero sono state portate avanti dagli agenti anche grazie alle immagini delle telecamere.

 

Occorre ricordare che si può uscire dal proprio domicilio solo per andare al lavoro, per motivi di salute o per necessità importanti. L’attività motoria all’aperto è consentita solo se è svolta individualmente e in prossimità della propria abitazione. È obbligatorio rispettare la distanza di almeno un metro da ogni altra persona.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 11:51

La nuova ordinanza è valida fino al 31 gennaio 2021. Nelle aree pubbliche e private aperte al pubblico c'è il divieto di vendita per asporto di bevande alcoliche e superalcoliche dalle 22 alle 5. Stabilito anche divieto di detenzione (ad eccezione di recipienti chiusi ed integri) di bevande di qualsiasi tipo

21 ottobre - 12:32

Mentre le regioni e le province autonome stanno decidendo nuove misure per frenare il contagio, il governo pensa a limitazioni che uniformino tutto il Paese. Si va verso la chiusura degli spostamenti fra i territori regionali e il coprifuoco per impedire gli assembramenti notturni

21 ottobre - 05:01

L'esperienza di Andrea, un 32enne che 11 giorni fa ha presentato i primi sintomi da coronavirus con febbre e stanchezza diffusa. "Mi sono sentito abbandonato dall'Apss, che non mi ha fornito alcuna indicazione su come comportarmi. Quando ho detto loro che ho l'App Immuni per avere quadro più preciso delle persone con cui avevo avuto contatti, la risposta è stata di totale indifferenza"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato