Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, famiglia positiva al Covid ma nessuno rispetta le norme sull’isolamento: denunciati dai carabinieri

I carabinieri hanno denunciato tutti i componenti di un nucleo famigliare perché accusati di non aver rispettato le norme anti-contagio: la madre (positiva) sarebbe uscita di casa per fare delle compere mentre padre e figlio si sarebbero recati in una proprietà di montagna

Foto d'archivio
Pubblicato il - 12 novembre 2020 - 17:54

BELLUNO. Con la divisione dell’Italia in zone, in base al rischio di contagio, i controlli delle forze dell’ordine per verificare il rispetto delle disposizioni anti-Covid sono tornati a essere molto serrati.

 

È proprio durante uno di questi controlli che i carabinieri della stazione di Santa Giustina hanno sanzionato un’intera famiglia accusata di aver infranto i vincoli imposti dalla loro situazione epidemiologica.

 

Nella fattispecie tre persone, tutte appartenenti allo stesso nucleo familiare, sono state denunciate in quanto non avrebbero rispettato l’isolamento imposto per via di una positività all’interno della famiglia.

 

In particolare la madre, benché risultata positiva al tampone, sarebbe uscita di casa per effettuare degli acquisti in uno degli esercizi commerciali del paese. Padre e figlio invece, contati stretti della donna e pertanto posti in isolamento, si sarebbero recati in una casera di loro proprietà che si trova in montagna.

 

Per via di queste palesi violazioni delle norme, comportamenti che peraltro possono contribuire alla diffusione dei contagi, i tre sono stati denunciati a piede libero e nei prossimi mesi dovranno presentarsi di fronte al giudice per affrontare un processo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 gennaio - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

27 gennaio - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

28 gennaio - 08:24

Le ricerche fatte nell'Adige al momento non hanno portato ad alcuna novità. Intanto sono spuntati dei testimoni sul tentativo del figlio di recarsi in un autolavaggio per lavare l'auto ma è stato fermato dai carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato