Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Fugatti: ''Se Roma blocca al 50% l'accesso sui mezzi pubblici, non riusciremo a riaprire le scuole''

Sono ancora molte le incertezze per il comparto scolastico a quasi un mese dalla riapertura degli istituti, ora si aggiunge un'ulteriore criticità. Se la situazione epidemiologica a settembre fosse quella di oggi, la Provincia potrebbe firmare un'ordinanza per risolvere la questione e portare la capienza al 100%. Fugatti: "Tema da affrontare in Conferenza Stato-Regioni"

Di Luca Andreazza - 07 agosto 2020 - 13:33

TRENTO. "Non saremo in grado di riaprire le scuole se il governo intende portare avanti la decisione di prevedere il distanziamento interpersonale sugli autobus e sui treni". Queste le parole del presidente Maurizio Fugatti sulla ripresa delle lezioni e la capienza del trasporto pubblico. "La direttiva da Roma permetterebbe di utilizzare solo il 50% dei posti: questo ci metterebbe nella situazione di non poter portare tutti gli alunni a scuola".

 

Sono ancora molte le incertezze per il comparto scolastico a quasi un mese dalla riapertura degli istituti (Qui articolo), ora si aggiunge un'ulteriore criticità. "Siamo preoccupati per i segnali che arrivano da Roma", dice Fugatti. La partita del trasporto pubblico è delicata per portare alunni e studenti a scuola, ma un'eventuale riduzione della capienza per fronteggiare il diffondersi dell'epidemia lascia suonare diversi campanelli d'allarme in piazza Dante. 

 

"Se si può utilizzare solo il 50% dei posti disponibili - aggiunge il presidente - potrebbero servire il doppio degli autobus e degli autisti, ma non riusciremo a garantire il trasporto anche se il fabbisogno di mezzi e uomini fosse di un quarto. E' un tema reale che ci lascia perplessi. Il governo sembra non aver il coraggio di determinate decisioni per scaricare la responsabilità sulle amministrazioni: servirebbe un'ordinanza per risolvere la questione e la pesantezza di queste scelte viene lasciata ai territori che si dovrebbero assumere le responsabilità".

 

Intanto la Provincia conferma che il servizio di trasporto sarà gratuito per 50 mila alunni e studenti di ogni ordine e grado. Oltre alla "tariffa zero", la Giunta ha approvato anche le modalità di rimborso per i pendolari del trasporto pubblico. "A seguito del periodo di lockdown e della chiusura anticipata degli istituti - evidenzia Fugatti - abbiamo deciso di prorogare la validità degli abbonamenti per tutto l'anno scolastico 2020/2021. L'attenzione è massima per le esigenze delle famiglia, ma anche per gestire le situazioni di potenziale rischio per la trasmissione del Covid-19".

 

E se piazza Dante cerca di "rivendere" questa misura statale come provinciale, sembra senza aver chiesto le necessarie coperture a Roma, si cerca di capire la portata di quanto avviene nella Capitale. E si inizia già a rimpallare le responsabilità. "Ci sarà un confronto nella Conferenza Stato-Regioni per trovare una soluzione perché sarebbero diversi i territori in difficoltà in caso di direttive particolarmente stringenti. Se la situazione sanitaria a settembre fosse quella di oggi, crediamo sia necessario cambiare le impostazioni dei criteri da applicare".

 

Tutto ovviamente dipenderà dalla curva del contagio alla riapertura degli istituti, mentre per sciogliere il nodo della capienza potrebbe bastare un'ordinanza principale. "Il problema è formale e politico. La disapplicazione per portare la capienza dei mezzi di trasporto al 100% non sarebbe illegittima e sarebbe giuridicamente corretta se supportata da dati rassicuranti. Nel periodo pre-Covid - conclude Roberto Andreatta, dirigente generale di unità di missione strategica - usavamo 800 bus nell'ora di punta e non sono duplicabili. Anche le flotte degli operatori del turismo non sarebbero certo sufficienti per il raddoppio necessario a garantire la piena capacità di trasporto. La soluzione sarebbe quella di ritornare a parlare di didattica a distanza per la metà degli studenti".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 settembre - 05:01

Era impiegato fino a 12 ore giorno per pochi euro alla settimana, lavoratore in nero soccorso dalla guardia di finanza: Sono senza un euro ma sono sollevato. Se il futuro mi preoccupa? Certo, ma almeno ora posso affrontarlo a testa alta”

20 settembre - 23:37

A livello provinciale l'affluenza alle urne si attesta a circa il 50% degli aventi diritto. Urne aperte anche lunedì 21 settembre dalle 7 alle 15 per rinnovare i consigli comunali e indicare "Sì" o "No" al referendum

20 settembre - 20:58
L'allerta è scattata intorno alle 18 di questa sera, domenica 20 settembre, quando è stato trovato un pezzo di un cadavere. A lanciare l'allarme un pescatore che ha notato una sagoma affiorare dall'acqua. Avviate le indagini da parte della scientifica e dei carabinieri. In azione anche i vigili del fuoco
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato