Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, il messaggio dei cittadini ai carabinieri contagiati: ''Forza ragazzi, vogliamo vedervi presto''

Le forze dell'ordine sono in prima linea per combattere il coronavirus facendo rispettare le regole. Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia locale continuano a contare al loro interno contagi e morti 

Di G.Fin - 04 aprile 2020 - 09:08

TRENTO. Dai carabinieri, i poliziotti fino ad arrivare ai finanzieri e agli agenti della polizia locale. Sono migliaia le forze dell'ordine che in questi giorni di emergenza sono in prima linea per combattere contro il coronavirus. Lo stanno facendo aiutando la popolazione in tutti  modi, dalla consegna del cibo e delle medicine, offrendo informazioni,  ma anche facendo rispettare le regole, quelle regole decise dal governo e che oggi, purtroppo, in tanti anche in Trentino sono ancora restii a osservare.

Basta osservare le sanzioni e le denunce che sono arrivate nelle scorse ore e che hanno visto un incremento rispetto ai giorni scorsi ma anche gli appelli arrivati dalle istituzioni ai cittadini affinché rimangano a casa. (QUI L'ARTICOLO)

 

Secondo i dati forniti ieri dal Ministero dell'interno, nella giornata del 2 aprile le forze di polizia hanno controllato 246.829 persone e 97.698 esercizi commerciali e attività in tutta Italia.

 

Le persone sanzionate in via amministrativa per i divieti sugli spostamenti sono state 7.659 mentre quelle denunciate per false attestazioni nell'autodichiarazione sono state 85 e quelle denunciate per violazione della quarantena 24. Sono stati, invece, 258 i titolari di esercizi commerciali sanzionati e 53 i provvedimenti di chiusura delle attività.

 

A crescere, però, sono anche gli agenti e i militari che durante il proprio lavoro rimangono purtroppo contagiati e in Italia non sono mancati nemmeno poliziotti, carabinieri, finanzieri e agenti della polizia locale che in queste settimane hanno perso la vita a causa del covid-19 lasciando intere famiglie nel dramma.

Da Bolzano arriva un'immagine che ieri ha fatto il giro d'Italia e che mostra la vicinanza, la solidarietà che in questi momenti gran parte della cittadinanza ha nei confronti di chi è in prima linea.

 

In una vetrina di un esercizio commerciale in provincia di Bolzano è stata esposta una dedica speciale indirizzata, in questo caso, ai carabinieri colpiti da Covid-19. “Forza ragazzi. Vogliamo vedervi presto” è il messaggio che è poi rimbalzato sui social di tutta Italia. “A tutti i cittadini il nostro grazie, ma soprattutto la nostra promessa che saremo sempre qui ad aiutarvi”.

 

 

(Foto tratte dai profili social di Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato