Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, il sindaco di Pergine: "Le forze dell’ordine non si grattano, non si girano dall’altra parte, non danno la caccia ai vecchietti"

Oss Emer, con uno schietto post su Facebook in cui ricorda la mole di lavoro che grava sulle spalle delle forze dell'ordine e dell'amministrazione, redarguisce ancora una volta i perginesi che si lamentano del ritardo negli interventi degli agenti in questo momento difficile di crescita dell'epidemia sul territorio con tante, troppe persone, che dimostrano di non aver preso sul serio la cosa: ''Anche ieri interventi per danneggiamento di bidoni da parte di alcuni minorenni e assembramenti nei bar ma noi non possiamo essere dappertutto''

Di Mattia Sartori - 15 novembre 2020 - 12:37

PERGINE. "Alcune informazioni rivolte ai cittadini che non potendo conoscere le varie dinamiche sollecitano, anche giustamente, maggiori controlli denunciando o sottolineando di fatto incapacità del sindaco, delle forze dell’ordine ( polizia locale e Carabinieri ) in questa situazione di aggravamento dei contagi. Tutti sanno cosa fare, tutti allenatori della nazionale". Anche oggi il sindaco di Pergine Roberto Oss-Emer si è rivolto alla cittadinanza per spiegare, senza peli sulla lingua, le dinamiche che stanno dietro al lavoro delle forze dell'ordine e dell'amministrazione pubblica in questo momento difficile con l'epidemia che cresce e tante, troppe persone, che comunque dimostrano di non aver preso sul serio la cosa. 

 

Ai cittadini che lamentano una scarsa attività di supervisione da parte delle pattuglie di Polizia e Carabinieri il sindaco risponde: "Le forze dell’ordine non si grattano, non si girano dall’altra parte, non danno la caccia ai vecchietti. Anche ieri interventi per danneggiamento di bidoni da parte di alcuni minorenni, individuati e denunciati. Sopralluoghi per incidenti , alcune chiamate per litigi familiari ecc. ecc. Fanno quello che possono in base alle pattuglie che hanno a disposizione che per la cronaca sono due e devono controllare 8 comuni e 40 frazioni. Ieri comunque interventi e sanzioni presso alcuni bar e chiusura anticipata". Sebbene tutti vogliano interventi immediati questo non è sempre possibile da un punto di vista organizzativo. Se le volanti si trovano a Levico e ricevono una chiamata da Pergine hanno bisogno di tempo per spostarsi. Il primo cittadino aggiunge ironicamente: "Le pattuglie non sono ancora dotate di teletrasporto. Lo metteremo a bilancio il prossimo anno".

 

Bisogna poi ricordare che oltre all'ordinaria amministrazione, le forze dell'ordine sono anche impegnate a consegnare le ordinanze restrittive ai positivi. "Vi assicuro che non si divertono - continua Oss-Emer - ma rischiano anche il contagio. È un obbligo di legge per il sindaco, anzi per tutti gli otto sindaci dei comuni della gestione associata nel nostro caso, emettere le ordinanze restrittive e sono centinaia tutti i giorni". Si può dunque immaginare la mole di lavoro derivante dal doverle consegnare tutte.

 

Infine non manca il rimando alla situazione degli assembramenti su cui già si era espresso ieri, sabato 14 novembre, ricordando ai cittadini quanto poco mancasse alla soglia per la temuta zona rossa e riprendendo alcuni perginesi per il loro comportamento sconsiderato (QUI ARTICOLO). "Gli assembramenti nei pressi dei bar sono all’ordine del giorno. L’unica cosa certa appare la convinzione di essere invincibili da parte di queste persone che temono evidentemente di morire disidratati. Voglio però sottolineare anche l’incapacità da parte di alcuni ( non tutti naturalmente) gerenti dei bar di gestire i loro clienti con il probabile risultato di una probabile o possibile futura chiusura totale indiscriminata con danni economici per tutti anche per quelli rispettosi delle regole". Così conclude il suo appello il primo cittadino di Pergine, chiedendo più responsabilità da parte dei suoi concittadini.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 2 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
03 dicembre - 16:06
Sono stati analizzati 9.682 tamponi tra molecolari e antigenici. Registrati 176 positivi e 0 decessi. Ci sono 60 persone ricoverate in [...]
Cronaca
03 dicembre - 14:10
Gli ordini dei medici, dei farmacisti e delle professioni infermieristiche sostengono la maratona vaccinale: "Siamo a diposizione, aderire alla [...]
Cronaca
03 dicembre - 13:04
I carabinieri del Nucleo anti-sofisticazioni hanno portato avanti numerosi controlli sul suolo nazionale scoprendo 281 tra medici e sanitari non [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato