Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Trentino, altri 4 morti a Pellizzano e terzo decesso a Brentonico. A Storo tanti casi in Rsa

Ci sono state altre 11 vittime sul territorio provinciale per 255 decessi con Covid-19. Sono 407 i guariti dal coronavirus. Ferro: "Una quindicina di casi di oggi sono riconducibili alle Rsa. Abbiamo altri 70 casi, la metà è un contagio di seconda generazione e legato al contesto familiare, mentre il resto è il dato più difficile da verificare perché totalmente nuovi"

Di Luca Andreazza - 08 aprile 2020 - 19:54

TRENTO. Sono 106 i nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore, mentre il totale è salito a 3.342 casi dall'inizio dell'epidemia (Qui articolo). Ci sono state altre 11 vittime sul territorio provinciale per 255 decessi con Covid-19. Sono 407 i guariti dal coronavirus.

Il rapporto tra tamponi analizzati e test positivo è intorno al 10%, un dato abbastanza in linea rispetto ai giorni scorsi. "Una quindicina di casi di oggi - dice Antonio Ferro, direttore del Dipartimento di prevenzione - sono riconducibili alle Rsa, mentre altrettanti si sono recati al pronto soccorso per i sintomi classici dell'infezione Covid-19 e si sono aggravati nelle ultime ore, quindi il contagio è avvenuto almeno 15 giorni fa. Abbiamo poi altri 70 casi, la metà è un contagio di seconda generazione e legato al contesto familiare, mentre il resto è il dato più difficile da verificare perché totalmente nuovi e sui quali cerchiamo di ricostruire l'epidemiologia". 

 

Le vittime sono 4 donne e 7 uomini. Sono 4 i decessi a Pellizzano, dove sono stati comunicati e confermati in queste ore otto morti: una 84enne, una 76enne e una 86enne e un 94enne. Una 90enne di Brentonico, un 84enne di Spiazzo, un 99enne di Rovereto e un 89enne di Predazzo. Un 83enne di Comano, un 90enne Mezzocorona e un 88enne di Scurelle.  

L'aggiornamento di Provincia Apss1.668 in isolamento domiciliare, 411 in Rsa mentre i casi complessivi riguardano 873 persone159 nelle case di cura 11 in strutture intermedie. Sono 311 i pazienti ricoverati senza ventilazione43 in ventilazione semi-invasiva e 77 in ventilazione invasiva. Sono invece 127 i guariti e 280 i guariti clinicamente.

 

Le variazioni sui singoli territori comprendono anche quei casi che nella giornata di ieri non erano stati assegnati (Qui articolo). Un primo caso a Sporminore. Ci sono 15 nuovi contagi a Storo, quasi tutti legati alla Rsa, con il territorio che si porta a 70 casi dall'inizio dell'epidemia. 

Sono 29 i positivi a Pergine (204 casi), mentre 12 quelli ad Arco (273 casi) e 8 a Cles (42 casi). Ci sono 6 nuovi contagi a Pellizzano (28 casi) e San Giovanni di Fassa (64 casi), mentre 5 a Predazzo (60 casi) e Tesero (28 casi).

 

Più 4 contagi a Calceranica e Campitello di Fassa (27 casi), Cavalese (59 casi), Pieve di Bono-Prezzo (42 casi) e Rovereto (103 casi).

 

Ci sono 3 nuovi positivi a Borgo Valsugana (25 casi), Canazei (68 casi), Malè (11 casi), Riva del Garda (100 casi) e Trento (419 casi), quindi 2 a Bleggio Superiore (34 casi), Nomi (19 casi), Panchià, Peio e Vermiglio (51 casi). Ci sono due casi anche a Vallarsa, ma l'amministrazione comunale precisa che si tratta di un'omonimia e quindi è un solo contagio in più. 

Più un caso a Baselga di Pinè, Borgo d'Anaunia, Campodenno, Castello-Molina di Fiemme (38 casi) e Cavareno, Cavedine, Comano, Croviana, Denno, Lavis (35 casi) e Livo. E ancora Mezzocorona (27 casi), Mezzolombardo (56 casi), Mori (26 casi), Nogaredo (13 casi), Novella (15 casi) e Pomarolo, Sella Giudicarie (31 casi), Spiazzo (13 casi), Tione (46 casi), Ton, Trambileno Valdaone (18 casi). 

 

Tassi di contagio. Sono 5 i Comuni già attenzionati per l'alto numero di casi in rapporto alla popolazione: Vermiglio (2,8%), Canazei (3,6%) e Campitello di Fassa (3,8%), Borgo Chiese (3,6%) e Pieve di Bono-Prezzo al 2,9% (Qui articolo).

 

Numeri alti anche a Ledro (2,6%), Pellizzano (3,6%), Bleggio Superiore (2,2%), Drena (1,9%), San Giovanni di Fassa (1,8%), Pinzolo, Castello-Molina di Fiemme e Valdaone (1,6%), ArcoSoraga e Storo (1,5%). Il tasso di contagio a livello provinciale si attesa a 0,60%. Trento si trova a 0,35%, Rovereto a 0,3%, Pergine a 0,95% e Riva del Garda a 0,6%. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 09:25

Andrea Villotti oltre ad essere il numero uno della società che si occupa di gestire il patrimonio immobiliare degli enti pubblici del Trentino (che, però, non pubblica il suo curriculum vitae nonostante i termini siano scaduti per l'Anticorruzione) è direttore emerito del Milton Friedman Institute e all'indomani del dpcm di Conte il suo direttore esecutivo ha comunicato che: ''Il nostro Istituto inizierà una incessante campagna per la disobbedienza fiscale al fianco di tutti quegli imprenditori colpiti da queste assurde misure che minano la convivenza civile''

26 ottobre - 18:38

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari in accordo con la Provincia ha disposto la rimodulazione dei servizi per fronteggiare la seconda ondata dell'epidemia coronavirus. Giuseppe Pallanch: "La sensazione è che ci si sia fermati a febbraio e purtroppo siamo preoccupati della capacità di pianificazione e gestione di questa fase dell'emergenza"

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato