Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Trentino sale il tasso di letalità e sui ricoveri il dato peggiore d’Italia: ospedali pieni al 71%

Nella seconda ondata in Trentino le terapie intensive non sono mai state così piene, oltre il 50% dei posti letto sono occupati. Il tasso di mortalità degli ultimi 30 giorni ha raggiunto il 4,2%. Inoltre, mentre a livello nazionale molti indicatori migliorano i dati trentini stanno addirittura peggiorando 

Di Tiziano Grottolo - 11 dicembre 2020 - 16:13

TRENTO. Con il passare delle settimane sembrerebbe rafforzarsi, almeno negli ambienti vicini alla Giunta, l’idea dello scampato pericolo: il Trentino è ancora in zona gialla e stando a quanto riferito dal presidente della Provincia Maurizio Fugatti: “I dati sostanzialmente dicono di un Rt stabile sotto la soglia critica dell’1. Se l’Rt è sotto soglia vuol dire che il contagio sta diminuendo o diminuirà nelle prossime settimane”. Eppure ciò che non viene detto è che il Trentino in questa fase non sta migliorando con la stessa velocità delle altre Regioni (QUI articolo).

 

Anzi, alcuni dati (peraltro fra i più significativi) stanno persino peggiorando. È il caso del tasso di letalità calcolato dal Ministero della Salute su gli ultimi 30 giorni: che ha raggiunto il 4,2% (259 decessi su 6.177 contagi), il secondo dato più alto d’Italia (la media nazionale è al 2,6%) surclassato solo dalla Valle d’Aosta. Quest’ultimo dato è stato rilevato il 10 dicembre, mentre il 28 novembre la stessa percentuale si fermava al 2,9% (QUI articolo). Un eccesso di mortalità rilevato pure dall’Istat e, per il 2020, stimato in un incremento del 17,2% rispetto alla media registrata nello stesso periodo fra il 2015 e il 2019 (QUI articolo).

 

 

Lo stesso si può dire dei posti in letto occupati in terapia intensiva e dei ricoverati con sintomi. Con i dati aggiornati al 10 dicembre la Provincia di Trento ha fatto registrare il dato peggiore d’Italia per quanto riguarda il rapporto fra i pazienti Covid-19 ricoverati con sintomi e la capienza degli ospedali trentini che sono occupati al 71,4%. Non va meglio per i posti letto occupati nelle terapie intensive, ormai piene al 53,3% (il secondo dato peggiore del Paese, superato solo dalla Lombardia). La soglia critica fissata dal Ministero della Salute è una capienza del 30%. Anche in questo caso il confronto con il 28 novembre evidenzia un peggioramento: i pazienti Covid-19 ricoverati occupavano il 66,9% dei posti letto mentre quelli in terapia intensiva raggiungevano il 46,7%.

 

 

Raffrontando il dato trentino sull’occupazione delle terapie intensive con la media nazionale emerge un contrasto evidente: quando la media nazionale inizia a calare (intorno al 4 dicembre) quella Trentina aumenta addirittura, rimanendo poi stabile nei giorni a seguire mentre quella nazionale prosegue la sua discesa. Una disparità che si mostra in maniera ancora più palese analizzando il rapporto fra capienza e numero di ricoverati per Covid-19 in area non critica: la media trentina stabile da alcuni giorni si attesta al 71%, quella italiana è in calo al 44%. Insomma questa la fotografia mostrata dai dati ufficiali che coccia inevitabilmente la lettura dell’emergenza proposta in conferenza stampa.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 settembre - 20:13
Trovati 26 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 19 guarigioni. Sono 20 i pazienti in ospedale, di cui 1 ricoverato in [...]
Cronaca
16 settembre - 20:26
I dati pubblicati da Fondazione Gimbe confermano l'efficacia dei vaccini nel ridurre decessi (96,3%), ricoveri ordinari (93,4%) e in terapia [...]
Cultura
16 settembre - 20:50
Durante il periodo estivo il presidente del Centro di cultura fotografica di Trento, Adriano Frisanco, insieme alla sua équipe, ha raccolto il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato