Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Trentino, Stenico registra il secondo morto da inizio epidemia, Arco sale a 33 decessi. Un minorenne contagiato

Sono 18 i nuovi positivi, compresi un minorenne e 6 ospiti nelle case di riposo, 3 nuovi contagi a Trento e Pergine. I tamponi analizzati sono stati 1.203 (595 letti da Apss, 576 da Cibio e 32 da Fem) per un risultato che si dimezza rispetto a ieri e crolla all'1,5% di test positivi. Il dato più basso da inizio emergenza

Di Luca Andreazza - 01 maggio 2020 - 19:44

TRENTO. Ci sono 4.759 casi e 423 morti da inizio epidemia coronavirus in Trentino. Sono 2.416 i guariti, mentre sono 1.920 gli attuali infetti rispetto alle 1.995 unità di ieri.

 

I tamponi analizzati sono stati 1.203 (595 letti da Apss, 576 da Cibio e 32 da Fem) per un risultato che si dimezza rispetto a ieri e crolla all'1,5% di test positivi. Il dato più basso da inizio emergenza (Qui articolo).

Come anticipato, ci sono 5 decessi, 3 di questi sono avvenuti nelle Rsa. Le morti sono avvenute a Arco, Pieve di Bono-Prezzo, Cles, Castello-Molina di Fiemme e Stenico. A Trento ci sono 42 deceduti da inizio epidemia, 33 ad Arco e 32 Pergine, 30 a Ledro e 21 a Rovereto. Sono 20 i morti a Predazzo, 16 a Dro Riva del Garda, 14 a Mezzolombardo e 13 a Cavedine, 12 a Pellizzano, 10 a Borgo Chiese Nomi. Sale a 10 vittime Pieve di Bono-Prezzo, quarto decesso a Cles e Castello-Molina di Fiemme e secondo morto a Stenico.

 

L'aggiornamento dell'Apss1.096 in isolamento domiciliare615 casi in Rsa mentre complessivi riguarda 1.294 persone, 3nelle case di cura 13 in strutture intermedie. Sono 137 i pazienti ricoverati senza ventilazione13 in ventilazione semi-invasiva e 19 in ventilazione invasiva. Sono invece 283 i guariti e 2.133 i guariti clinicamente.

Sono 18 i nuovi positivi, compresi un minorenne e 6 ospiti nelle case di riposo. Ci sono 3 nuovi contagi a Trento che si porta a 590 casi da inizio epidemia e altri 3 a Pergine per un totale di 245 casi.

 

Più 2 a Rovereto (178 casi) e Croviana (6 casi). Un nuovo positivo a Ledro (162 casi), Borgo Chiese (98 casi), Bleggio Superiore (70 casi), Borgo d'Anaunia (35 casi) e Madruzzo (23 casi), Spiazzo (27 casi), Cembra-Lisignago (14 casi), Dimaro-Folgarida 7 casi e Valdaone (21 casi).

Tassi di contagio. Sono 5 i Comuni già attenzionati per l'alto numero di casi in rapporto alla popolazione: Vermiglio (3,3%), Canazei (4,7%) e Campitello di Fassa (5,7%), Borgo Chiese (4,9%) e Pieve di Bono-Prezzo al 5,4% (Qui articolo).   

 

Numeri alti anche a Pellizzano che si porta a 7,6%, quindi Bleggio Superiore (4,6%), Mazzin (3,4%), Ledro (3,1%), Predazzo (2,5%), Cavedago San Giovanni di Fassa (2,4%), Nomi (2,3%), Drena, Spiazzo, Soraga e Storo (2,2%), PinzoloCastello-MolinaSella Giudicarie (2,1%), Cavedine (2%), ArcoCavalese e Caderzone (1,9%), GiustinoDro e Valdaone (1,8%). Il tasso a livello provinciale si attesa a 0,88%. Trento si trova a 0,49%, Rovereto a 0,44%, Pergine a 1,1% e Riva del Garda a 0,8%.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 16:03

Si tratta di una coppia, tutti i colleghi sono stati sottoposti a tampone al laboratorio dell'Azienda sanitaria e sono risultati negativi. La Mach: ''E' la dimostrazione dell’efficacia dei protocolli antiCovid 19 adottati" ed interviene anche il direttore dell'Apss che ha precisato come il contagio non possa essere avvenuto all’interno dei luoghi di lavoro

22 ottobre - 13:19

Una proposta semplice quanto efficace che permetterebbe agli esercenti di ''salvare'' la stagione come avvenuto in estate tra plateatici allargati e tavolini all'aperto. Con il freddo si dovrebbe, altrimenti, tornare al chiuso ma tra regole sul distanziamento e la paura del ritorno del Covid-19 il rischio che gli spazi coperti restino semi-vuoti appare molto concreto

22 ottobre - 12:31
Un elenco che contiene buona parte dell'Italia, ma anche dell'Austria, così come Polonia, Croazia, Svezia e Svizzera. Nelle scorse settimane invece la Svizzera ha inserito nell'elenco delle aree a rischio Veneto, Campania, Sardegna e Liguria
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato