Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Trentino, una trentina di classi in quarantena dall'inizio dell'anno scolastico. Altri 8 casi in val di Fiemme. I casi Comune per Comune

Nel rapporto odierno la Provincia specifica che sono 6 le persone con sintomi, mentre 42 sono stati individuati mediante l'attività di contact tracing. Una quindicina di casi è legata alle indagini condotte tra i raccoglitori di frutta, mentre un numero analogo invece è collegato a contagi avvenuti in ambiti familiari. Emerge anche oggi un caso legato ai cluster della filiera alimentare

Di Luca Andreazza - 01 ottobre 2020 - 19:59

TRENTO. Ci sono 6.663 casi e 471 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 1.883 tamponi, 48 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 2,55% (Qui articolo). 

 

Sono 15 i pazienti che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero, nessun si trova in terapia intensiva ma 3 cittadini si trovano in alta intensità. Sono 5.590 i guariti da inizio emergenza e 602 gli attuali positivi.

 

Nel rapporto odierno, giovedì 1 ottobre, la Provincia specifica che sono 6 le persone con sintomi, mentre 42 sono stati individuati mediante l'attività di contact tracing. Una quindicina di casi è legata alle indagini condotte tra i raccoglitori di frutta, mentre un numero analogo invece è collegato a contagi avvenuti in ambiti familiari. Emerge anche oggi un caso legato ai cluster della filiera alimentare.

 

Sono una trentina dall'inizio dell'anno scolastico le classi in quarantena, 9 di queste hanno già terminato il periodo di isolamento, mentre altre si accingono a terminarla entro la settimana. Sono cinque in più negli ultimi 2 giorni e sono intervenuti provvedimenti per un paio di istituti superiori di Trento.

 

Ci sono 9 contagi a Trento che si porta a quota 997 casi da inizio epidemia e 8 infetti a Rovereto (325 casi). Altri 4 positivi a Pergine (289 casi), mentre 3 sono stati trovati a Cavalese (89 casi) e Tesero (55 casi), 2 contagi invece a Panchià (12 casi).

 

E ancora 1 positivo a Lavis (152 casi), Mezzolombardo (117 casi), Cembra-Lisignago (28 casi), Giovo (24 casi) e Aldeno (16 casi). Sono 14 i casi da assegnare. 

 

Tassi di contagio. A Pellizzano è stato contagiato l'8% della popolazione, mentre a Pieve di Bono-Prezzo il 6,9%, segue Borgo Chiese a 6,6%. Poi Campitello di Fassa (6,2%), Bleggio Superiore (5,2%), Canazei (5%), Vermiglio (4,3%) e Mazzin (3,4%), Ledro (3,3%), Canal San Bovo e Predazzo (3%), Valdaone, Nomi Storo (2,8%), SpiazzoCavedago e San Giovanni (2,6%). 

 

E ancora Sella Giudicarie Castello-Molina di Fiemme (2,5%), Pinzolo Drena (2,4%), CaderzoneSoragaCastel Condino Giustino (2,3%), Arco (2,2%), Cavedine e Cavalese (2,1%), DroTione e Bondone (2%). Il tasso a livello provinciale è di poco superiore all'1%. A Trento si registra 0,83%, Rovereto a 0,79%, Riva del Garda a 1,1% e Pergine a 1,3%.

 

Oggi, fortunatamente, non sono state registrate vittime. A Trento sono state 48 le vittime da inizio emergenza, 34 a Pergine Arco, 31 a Rovereto, 30 a Ledro. Sono 20 i morti a Predazzo, 17 a Riva del Garda, 16 a Dro Mezzolombardo e 13 a Cavedine Pieve di Bono-Prezzo, 12 a Pellizzano, 11 a Lavis, 10 a Borgo Chiese Nomi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 19:34

Nella serata di ieri il Gattogordo di Trento è stato teatro di una discussione animata tra il proprietario Villotti e un gruppo di carabinieri, poliziotti e finanzieri. Secondo questi ultimi, dalle 20 il ristorante non può servire ai tavoli solamente bevande. L’oggetto del dibattito è la parola “attività” di ristorazione, che ha generato non poca confusione

31 ottobre - 18:56

In valore assoluto i dati più alti si registrano nei centri più popolosi (che è quello che sarebbe dovuto succedere anche nella prima ondata) e quindi dei 390 casi totali ben 208 sono concentrati tra Trento (127), Rovereto (56), Pergine (15) e Riva del Garda (10)

31 ottobre - 18:21

Il presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, ha firmato le nuove ordinanze per i Comuni-Cluster valide per 14 giorni. Ai Comuni di Laives, Malles, Sarentino, Campo di Trens e Racines si aggiungono oggi anche Sluderno, Glorenza, Tubre, Gargazzone, Val di Vizze e Rasun-Anterselva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato