Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, insegnante positivo dopo una gita sulla neve in Alto Adige. Chiusa la prima scuola pubblica di Berlino

La chiusura della scuola è stata comunicata dal Dipartimento del Senato per la salute, l'assistenza e le pari opportunità. L'insegnante si trova ora in cura e gli studenti che si trovavano in gita con lui sono stati sottoposti a degli accertamenti

Pubblicato il - 03 marzo 2020 - 09:25

BERLINO. E' stata chiusa temporaneamente la prima scuola pubblica di Berlino a causa di un caso di coronavirus che avrebbe colpito un insegnate dopo un gita sulla neve in Alto Adige.

A comunicarlo è stato l'ufficio stampa del Dipartimento del Senato per la salute, l'assistenza e le pari opportunità.

Il dipartimento ha raccomandato all'amministrazione di chiudere la scuola superiore Emanuel Lasker a Friedrichshain fino a nuovo avviso.

L'insegnante, secondo quanto riportato, è stato infettato dal coronavirus mentre si trovava a sciare in Alto Adige con due gruppi di 74 alunni e 6 insegnanti.

 

Appena tornato a casa ha sviluppato i sintomi della malattia. Immediatamente sono stati attivati tutti i protocolli sanitari facendo sospendere l'attività scolastica fino a quando non saranno state chiarite le persone che sono sicuramente entrate in contatto con l'uomo.

 

Il Dipartimento per l'educazione del Senato e il distretto di Friedrichshain-Kreuzberg hanno preso tutte le misure necessarie. Il paziente, intanto, è in cura in isolamento nella clinica Vivantes di Kaulsdorf.

 

In Germania sono note finora circa 170 infezioni di coronavirus. La maggior parte delle persone infette ha lievi sintomi di raffreddore con brividi e mal di gola o nessun sintomo. 

 

 

 

 


 

Per quanto riguarda la situazione in Italia secondo gli ultimi dati si registra una frenata tra i contagi: lunedì l'incremento dei malati è stato del 16% (258 casi in più) a fronte dell'aumento del 50% registrato il giorno prima. La metà, circa il 50% è asintomatico e comunque presenta  sintomi lievi e in isolamento domiciliare. 

 

L'ultimo bollettino della Protezione Civile è stato inoltre sottolineato come i prossimi giorni saranno fondamentali per capire se le misure adottate sono davvero in grado di fermare il contagio o se, viceversa, ne serviranno di nuove e ancora più stringenti.

 

Per quanto riguarda il Trentino, invece, lunedì sera è stato comunicato dal governatore Fugatti il primo caso di coronavirus che ha colpito un'anziana residente a Trento. 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 13:50

L'allerta è scattata intorno a mezzogiorno nell'area della val di Ledro. In azione le unità del soccorso alpino e l'elicottero con l'equipe medica. Per il base jumper però non c'è stato nulla da fare

21 ottobre - 10:28

Il fatto piuttosto bizzarro è avvenuto a Boscomantico, a pochi chilometri da Verona. Un gatto curioso è rimasto incastrato in un buco di un arredo da giardino. Necessario l'intervento dei vigili del fuoco per toglierlo dai guai

21 ottobre - 10:05

Continuano a crescere i contagi nel Bellunese. Sono 59 le nuove positività in provincia, di cui 19 legati al focolaio nel triangolo Comelico-Cadore-Ampezzano. Ma il sindaco di Cortina Gianpietro Ghedina appare rassicurato: "I numeri si stanno assestando. Siamo passati da 135 a 132 contagi"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato