Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, la mappa dei positivi comune per comune: 36 casi a Bolzano ma in Val Gardena, dove ci sono gli impianti, ce ne sono a decine

A Bressanone sono state trovate 10 persone positive al coronavirus , 9 i casi a Merano, ma le notizie peggiori arrivano dalle zone degli impianti sciistici: 17 positivi a Selva, 10 a Ortisei, 9 a Santa Cristina. Le persone in quarantena nella provincia di Bolzano sono 799

Pubblicato il - 15 marzo 2020 - 16:06

BOLZANO. Prosegue la crescita dell'infezione nella provincia di Bolzano dove il numero delle persone trovate positive al test del coronavirus è salito a 206, nel frattempo ci sono ben 799 persone in quarantena. Questi i dati in sintesi dell’emergenza.

 

L’azienda sanitaria di Bolzano ha diffuso i dati aggregati, suddivisi per comune e aggiornati al 14 marzo, l’amministrazione più colpita (dove peraltro si concentra la maggior parte della popolazione) è quella della città di Bolzano con 36 casi di positività al Covid-19.

 

 

Sorprende ma non troppo il numero di contagiati trovati a Selva di val Gardena che sono 17, un numero molto elevato considerando che la popolazione censita supera di poco i 2600 abitanti. Numeri analoghi sono stati riscontrati a Ortisei (10 positivi), Santa Cristina (9 positivi) e Castelrotto (6 positivi), non è un caso che questi comuni si trovino a ridosso dei maggiori impianti sciistici. Infatti nelle località vicine alle località sciistiche i contagiati sono quasi un centinaio.  

 

Il numero di persone in quarantena, i dati sono sempre del 14 marzo, segue grossomodo l’andamento delle positività: Bolzano è intesta a questa classifica con 151 persone isolate. Al secondo posto troviamo di nuovo Selva di val Gardena 77 persone, seguono Ortisei (44), Merano (40), Nova Ponente (39), Castelrotto (26).

 

 

Purtroppo, in Trentino-Alto Adige il bilancio delle morti da coronavirus è aumentato ancora, l’ultimo caso è stato registrato nella provincia di Bolzano dove un 82enne di Selva Gardena è morto all’ospedale di Vipiteno, dopo essere stato riscontrato positivo al coronavirus.

 

L’82enne di Selva di Gardena porta a 5 i decessi per coronavirus in Alto Adige mentre, il pensionato, già gravemente malato, era stato accolto il 10 marzo al Pronto soccorso di Bressanone e quindi trasferito all’ospedale di Vipiteno. L’azienda sanitaria fa sapere che “tutte queste persone erano affette da gravi malattie pregresse”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 16:22

A partire da questa mattina sono diverse le persone che si stanno recando al cimitero. Ieri il presidente della Provincia, Fugatti, ha deciso di chiudere i campisanti l'1 e il 2 novembre

31 ottobre - 15:31

Mentre è evidente a tutti che la curva dell'epidemia è in costante crescita il presidente pare in balia degli eventi e die dati giornalieri e in conferenza stampa dice una cosa mentre nell'ordinanza ne scrive un'altra. Intanto i sindacati attaccano: ''I ristoratori chiedono di ritirare l'ordinanza sulle aperture perché si accorgono che pur essendo aperti la clientela scarseggia, un po’ per paura del contagio, un po’ perché le famiglie hanno sempre meno disponibilità finanziarie''

31 ottobre - 10:26

La decisione è stata presa durante un colloquio in video-conferenza tra i tre presidenti dell'Euregio Fugatti, Platter, e Kompatscher. "Fondamentale la collaborazione e lo scambio continuo tra i territori. Uno dei nostri obiettivi è tenere aperti i confini per garantire la mobilità nei nostri territori e lo spostamento dei pendolari"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato