Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, lettera dei medici alla Provincia: ''Cambiate strategia e in fretta. La rotta fin qui seguita non ci consentirà di vincere la tremenda guerra''

Una lettera inviata da Marco Ioppi, presidente dell'Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri della Provincia di Trento, e Stefano Bonora, presidente commissione albo odontoiatri, al presidente Maurizio Fugatti e all'assessora Stefania Segnana per gestire l'emergenza coronavirus: "A Vò, dove è stato effettuato il tampone a tappeto ed isolato tutti i soggetti infetti, il numero totale dei malati è sceso da 88 a 7 (almeno 10 volte meno) nel giro di 7-10 giorni"

Di Luca Andreazza - 20 marzo 2020 - 17:05

TRENTO. Un cambio di strategia e il ricorso ai tamponi, soprattutto sul personale sanitario e per scovare gli asintomatici "nel timore che la rotta fin qui seguita non ci consentirà di vincere la tremenda guerra che ci vede impegnati". L'isolamento da solo e la quarantena, infatti, non potrebbe bastare. Questo chiede l'Ordine dei medici alla Provincia. Una lettera inviata da Marco Ioppi, presidente dell'Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri della Provincia di Trento, e Stefano Bonora, presidente commissione albo odontoiatri, al presidente Maurizio Fugatti e all'assessora Stefania Segnana per gestire l'emergenza coronavirus

 

Una diagnostica rapida e tempestiva come indicato dal Comitato tecnico-scientifico al Ministero e dall'Organizzazione mondiale della sanità: "Aumentare il numero dei test ai sanitari in prima linea". In questo modo si vuole evitare che proprio il personale sanitario diventi un vettore di contagio (una persona infetta tra le 2 e le 3 persone, ma un medico alza il tasso a 8/10 unità), si cerca di salvaguardare gli operatori e così anche il sistema nel suo complesso. 

 

"Sono oltre 2 mila gli operatori sanitari colpiti dal coronavirus e rappresentano circa il 10% delle persone colpite e il contagio non accenna a desistere. E' evidente - si legge nella lettera - la necessità di mettere in atto misure immediate per la salvaguardia degli operatori e per garantire il funzionamento del Ssn in favore dei cittadini".

 

Il contagio in Trentino continua a diffondersi. Sono 857 i positivi sul territorio provinciale, 12 morti e 20 guariti464 persone a domicilio160 in Rsa150 in ricovero senza ventilazione, 12 in ventilazione semi-invasiva e 30 in ventilazione invasiva (Qui articolo), mentre a livello regionale sono già, purtroppo, 31 i decessi a causati dalla pandemia. Una lettera inviata mercoledì 18 marzo mentre ieri la stessa richiesta è stata avanzata da Paolo Barbacovi, già ufficiale sanitario, medico di medicina generale ed ex presidente dell’Ordine dei medici della Provincia di Trento (Qui articolo).

 

La richiesta è quella di mettere in sicurezza medici e infermieri come strategia primaria di sanità pubblica "poiché è stato dimostrato che un buon numero di persone che si infetta (tra il 50 il 75%) è asintomatica, si corre il rischio di non poter debellare il virus finché non si individuano questi portatori sani. Individuare i positivi, precocemente, tra i medici e i sanitari vuol dire evitare che diffondano il virus soprattutto ai soggetti più fragili ed eliminare una formidabile fonte di contagio".

 

Questa strategia ha funzionato nel padovano. "A , dove è stato effettuato il tampone a tappeto ed isolato tutti i soggetti infetti, il numero totale dei malati è sceso da 88 a 7 (almeno 10 volte meno) nel giro di 7-10 giorni". Un appello a fare presto: "L'Ordine ritiene anche che il cambio di strategia debba avvenire immediatamente, come del resto stanno facendo altre regioni italiane, appena avuta dimostrazione di non poter arrestare la pandemia. Una decisione non presa o adottata tardivamente potrebbe costarci molto caro".

 

La lettera in forma integrale

 

Egregio signor presidente,

 

sono oltre 2 mila gli operatori sanitari colpiti dal coronavirus e rappresentano circa il 10% delle persone colpite e il contagio non accenna a desistere. E' evidente la necessità di mettere in atto misure immediate per la salvaguardia degli operatori e per garantire il funzionamento del Ssn in favore dei cittadini. 

 

E' l'istanza che la Federazione nazionale degli ordini dei medici e quella delle professioni sanitarie hanno inviato al presidente Giuseppe Conte con un comunicato congiunto in cui sostegno che "si devono ridefinire le priorità alla lotta del coronavirus mettendo in sicurezza medici e infermieri come strategia primaria di sanità pubblica". Poiché è stato dimostrato che un buon numero di persone che si infetta (tra il 50 il 75%) è asintomatica, si corre il rischio di non poter debellare il virus finché non si individuano questi portatori sani. 

 

Individuare i positivi, precocemente, tra i medici e i sanitari vuol dire evitare che diffondano il virus soprattutto ai soggetti più fragili ed eliminare una formidabile fonte di contagio. A Vò, dove è stato effettuato il tampone a tappeto ed isolato tutti i soggetti infetti, il numero totale dei malati è sceso da 88 a 7 (almeno 10 volte meno) nel giro di 7-10 giorni.

 

In base a queste dimostrazioni, diverse regioni italiane, Veneto in testa seguito da Emilia Romagna, Toscana e Marche, hanno deciso di effettuare i tamponi a tutto il personale sanitario, Mmg, Pls e farmacisti compresi, con l'ipotesi di estendere tale procedura a tutti coloro che possono aver avuto contatti a rischio.

 

Del resto effettuare i tamponi anche al personale sanitario asintomatico è la raccomandazione arrivata dal Comitato tecnico scientifico, organo consultivo del Ministro della salute, e la stessa Oms raccomanda di "Aumentare il numero dei test ai sanitari in prima linea".

 

L'Ordine dei medici di Trento, in sintonia con quanto richiesto a gran voce dalla Federazione nazionale degli Ordini del medici, ritiene che in Provincia di Trento si debba attuare un cambio di strategia e che si adottino da subito, analogamente a quanto predisposto dalle regioni citate, le indicazioni della Oms e che si sottopongano a tampone tutti gli operatori sanitari.

 

L'isolamento dei contagiati (sintomatici o non sintomatici) è indicato come un valido metodo per ridurre, e di molto, la diffusione del virus e le manifestazioni più gravi del contagio ed è una raccomandazione che arriva dal Comitato tecnico scientifico al Ministero della salute. 

 

L'Ordine, signor presidente, rivolge a lei un appello, nel timore che la rotta fin qui seguita non ci consentirà di vincere la tremenda guerra che ci vede impegnati. Ritiene anche che il cambio di strategia debba avvenire immediatamente, come del resto stanno facendo altre regioni italiane, appena avuta dimostrazione di non poter arrestare la pandemia. Una decisione non presa o adottata tardivamente potrebbe costarci molto caro. 

 

Fiducioso del suo interessamento rinnovo la massima collaborazione porgo i più cordiali saluti.

 

Marco Ioppi (presidente dell'Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri della Provincia di Trento)

Stefano Bonora (presidente commissione albo odontoiatri)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 04:01

In queste ore i vertici dell'Ordine dei medici sono scesi in campo per evidenziare preoccupazioni, riportare perplessità e criticità del sistema, ma anche proposte per migliorare la situazione in questa fase delicata della seconda ondata di Covid-19. Un settore attenzionato è quello delle Rsa

27 ottobre - 20:24

Recentemente la Pat ha modificato i criteri dell'isolamento della classe: 2 alunni per il primo ciclo dell'infanzia, 1 studente negli istituti superiori. I pediatri: "Sono decisioni politiche. I minorenni sono spesso asintomatici e pauci-sintomatici e questo è rassicurante dal punto di vista del decorso della malattia, ma comunque c'è un fattore di rischio legato alla contagiosità che poi può arrivare in famiglia"

27 ottobre - 20:09

Tra i nuovi contagiati, 146 persone presentano sintomi, 3 casi sono ricondotti alla fascia d'età 0-5 anni, 15 positivi invece tra 6-15 anni, mentre 30 infezioni riguardano gli over 70 anni. Ci sono inoltre 33 nuovi casi tra bambini e ragazzi in età scolare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato