Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, ok alle visite ai congiunti nelle province venete confinanti con il Trentino. Fugatti: ''Sarà sottoscritto l'accordo fatto con Zaia''

L'11 maggio era stato sottoscritto il documento tra Veneto e Trentino che dava il via libera agli spostamenti fra i comuni direttamente confinanti aprendo di fatto a una prima forma di circolazione interregionale. Lunedì sarà la volta delle province confinanti 

Pubblicato il - 16 maggio 2020 - 08:59

TRENTO. L'ipotesi si fa sempre più concreta. Lunedì 18 maggio, secondo quando riferito dal governatore Fugatti, sarà firmata una ordinanza che permetterà di andare a visitare i propri congiunti nelle province confinanti con il Trentino e quindi Vicenza, Verona e Belluno.

 

Su questo aspetto già nei giorni scorsi Fugatti aveva spiegato di essere al lavoro con il governatore Veneto Luca Zaia per riuscire a sbloccare la situazione come era già avvenuto con i comuni confinanti. (QUI L'ARTICOLO)

 

Grazie infatti ad un accordo sottoscritto l'11 maggio scorso tra Veneto e Trentino, era stato dato il via libera agli spostamenti fra i comuni direttamente confinanti aprendo di fatto a una prima forma di circolazione interregionale.

 

Successivamente i due governatori si sono messi al lavoro per cercare di estendere questa possibilità e la riunione avvenuta ieri tra lo Stato e la Regioni sembra aver fatto qualche passo in avanti. Per viaggiare liberamente tra le regioni vale la data del 3 giugno, quella stabilita dal Governo. L'accordo raggiunto invece tra Fugatti e Zaia che dovrebbe concretizzarsi nelle prossime ore con una ordinanza, consentirà di visitare i congiunti non più solo nei comuni strettamente confinanti ma anche nelle province e quindi, come già detto, Verona, Vicenza e Belluno.

 

 

“Lunedì – ha confermato in conferenza il presidente Maurizio Fugatti – tra i vari temi presenti nelle ordinanze che sottoscriveremo vi è anche quello della possibilità di visitare i congiunti nelle province limitrofe del Veneto”.

 

Sul tema degli spostamenti invece, sembra rimanere tutto fermo per il versante lombardo. “L'accordo è stato fatto con il Veneto perché la stabilizzazione e il livello di contagio è pressoché comune. Abbiamo chiesto la stessa cosa alla Lombardia ma ha ritenuto, in maniera legittima, di non accettare”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Ricerca e università
21 aprile - 20:22
Secondo lo studio di Unitn le restrizioni riducono i contagi più dei vaccini. La ricercatrice: “Per non far ripartire il contagio sarà [...]
Cronaca
21 aprile - 19:25
Trovati 120 positivi, comunicato 1 decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 142 guarigioni. Sono 1.255 i casi attivi [...]
Politica
21 aprile - 17:34
I sindacati chiedono prima un cambio di passo su trasporti, utilizzo delle mascherine Ffp2 e vaccinazioni agli insegnanti: “E’ ovvio che [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato