Contenuto sponsorizzato

Trentino-Veneto, arriva l’ordinanza per far visita ai parenti, “ma non ai fidanzati”. Fugatti e Zaia: “Servirà l’autocertificazione”

Chi abita in un comune sul confine potrà recarsi nei territori veneti direttamente confinanti anche per fare compere. Per le visite ai parenti nelle province di Verona, Vicenza e Belluno è arrivato il via libera ufficiale, Fugatti: “Non vale andare a fare la spesa nella provincia di Verona e nemmeno andare a trovare la fidanzata in Veneto”

Di Tiziano Grottolo - 18 maggio 2020 - 18:56

TRENTO. Questa mattina era arrivata una doccia fredda per i trentini che hanno parenti in Veneto: in assenza dell’ordinanza non era infatti possibile spostarsi nelle province confinanti di Verona, Vicenza e Belluno (QUI articolo). Le stesse prefetture avevano confermato di essere state avvisate solo con una nota dell’accordo raggiunto in tal senso da Maurizio Fugatti e Luca Zaia, impossibile dunque ammettere tali spostamenti.

 

Durante la conferenza stampa del pomeriggio, 18 maggio, è stato riportato che l’ordinanza trentina è stata finalmente firmata: “Da oggi cessano di avere effetto tutte le misure limitative della circolazione all’interno del territorio provinciale e regionale. Vuol dire che in Trentino e Alto Adige ci si può muovere liberamente”.

 

Novità per quanto riguarda gli spostamenti fra comuni trentini e veneti, purché direttamente confinanti fra loro, in questo caso per i residenti di entrambe le regioni sarà possibile recarsi nel comune confinante sia per visitare i congiunti che per fruire delle attività economiche aperte. Servirà comunque un’autocertificazione. Dopo un percorso travagliato è arrivato anche il definitivo via libera alle visite ai congiunti nelle province confinanti del Veneto (Verona, Vicenza e Belluno), anche in questo caso servirà un’autocertificazione.

 

Qui però si è aperto un giallo, infatti se per Zaia è possibile far visita ai fidanzati che si trovano in Trentino (QUI articolo), Fugatti ha affermato il contrario: “Non vale andare a fare la spesa nella provincia di Verona e nemmeno andare a trovare la fidanzata in Veneto, e viceversa”. Resta quindi da risolvere il nodo dei fidanzati. Rimangono invece validi gli spostamenti nelle altre regioni per motivi di salute, lavoro e urgenze inderogabili.

 

Sempre in conferenza stampa è stato affrontato il tema delle mascherine: “obbligatorie e da portare correttamente”, tenendo presente che la mascherina va indossata quando si esce dalla propria residenza o domicilio, anche se ci si trova in un condominio, “da quando si esce dalla porta di casa” ha sintetizzato Fugatti.

 

Se però ci si trova in un luogo isolato e solo in presenza dei componenti del proprio nucleo famigliare, o conviventi, non è necessario tenere la mascherina. Al contrario dovranno indossarla le persone che fanno attività fisica qualora si trovino in luoghi affollati, ciò vale sia per i runner che per i ciclisti. Obbligatoria anche nei luoghi chiusi accessibili al pubblico e laddove non sia possibile garantire le distanze di sicurezza. Nei locali va indossata tutte le volte che non ci si trova seduti al tavolo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 15:58

Il presidente della regione Veneto ha commentato i dati odierni (oltre 1.100 contagi e 3 morti) e spiegato che secondo lui sarebbe stato meglio chiudere i centri commerciali che gli esercenti della ristorazione. E sul virus ha aggiunto: ''Va affrontato per quello che è: per noi l'emergenza sanitaria non c'è. Non c'è in Veneto''

26 ottobre - 15:45

E' successo pochi minuti prima di mezzogiorno. Sul posto si sono portati  i carabinieri, i vigili del fuoco di Grigno e i soccorsi sanitari. Il ragazzo dopo essersi ripreso è stato stabilizzato ed elitrasportato all'ospedale di Trento 

26 ottobre - 14:52

Il nuovo Dpcm mette nero su bianco la chiusura di teatri e cinema. In queste ore verrà fatta conoscere la nuova ordinanza di Fugatti e si capirà se la strada seguita è quella di Bolzano con la deroga alle regole nazionali o Roma

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato