Contenuto sponsorizzato

Trentino-Veneto, arriva l’ordinanza per far visita ai parenti, “ma non ai fidanzati”. Fugatti e Zaia: “Servirà l’autocertificazione”

Chi abita in un comune sul confine potrà recarsi nei territori veneti direttamente confinanti anche per fare compere. Per le visite ai parenti nelle province di Verona, Vicenza e Belluno è arrivato il via libera ufficiale, Fugatti: “Non vale andare a fare la spesa nella provincia di Verona e nemmeno andare a trovare la fidanzata in Veneto”

Di Tiziano Grottolo - 18 maggio 2020 - 18:56

TRENTO. Questa mattina era arrivata una doccia fredda per i trentini che hanno parenti in Veneto: in assenza dell’ordinanza non era infatti possibile spostarsi nelle province confinanti di Verona, Vicenza e Belluno (QUI articolo). Le stesse prefetture avevano confermato di essere state avvisate solo con una nota dell’accordo raggiunto in tal senso da Maurizio Fugatti e Luca Zaia, impossibile dunque ammettere tali spostamenti.

 

Durante la conferenza stampa del pomeriggio, 18 maggio, è stato riportato che l’ordinanza trentina è stata finalmente firmata: “Da oggi cessano di avere effetto tutte le misure limitative della circolazione all’interno del territorio provinciale e regionale. Vuol dire che in Trentino e Alto Adige ci si può muovere liberamente”.

 

Novità per quanto riguarda gli spostamenti fra comuni trentini e veneti, purché direttamente confinanti fra loro, in questo caso per i residenti di entrambe le regioni sarà possibile recarsi nel comune confinante sia per visitare i congiunti che per fruire delle attività economiche aperte. Servirà comunque un’autocertificazione. Dopo un percorso travagliato è arrivato anche il definitivo via libera alle visite ai congiunti nelle province confinanti del Veneto (Verona, Vicenza e Belluno), anche in questo caso servirà un’autocertificazione.

 

Qui però si è aperto un giallo, infatti se per Zaia è possibile far visita ai fidanzati che si trovano in Trentino (QUI articolo), Fugatti ha affermato il contrario: “Non vale andare a fare la spesa nella provincia di Verona e nemmeno andare a trovare la fidanzata in Veneto, e viceversa”. Resta quindi da risolvere il nodo dei fidanzati. Rimangono invece validi gli spostamenti nelle altre regioni per motivi di salute, lavoro e urgenze inderogabili.

 

Sempre in conferenza stampa è stato affrontato il tema delle mascherine: “obbligatorie e da portare correttamente”, tenendo presente che la mascherina va indossata quando si esce dalla propria residenza o domicilio, anche se ci si trova in un condominio, “da quando si esce dalla porta di casa” ha sintetizzato Fugatti.

 

Se però ci si trova in un luogo isolato e solo in presenza dei componenti del proprio nucleo famigliare, o conviventi, non è necessario tenere la mascherina. Al contrario dovranno indossarla le persone che fanno attività fisica qualora si trovino in luoghi affollati, ciò vale sia per i runner che per i ciclisti. Obbligatoria anche nei luoghi chiusi accessibili al pubblico e laddove non sia possibile garantire le distanze di sicurezza. Nei locali va indossata tutte le volte che non ci si trova seduti al tavolo.

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 28 settembre 2022
Telegiornale
28 set 2022 - ore 21:31
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 settembre - 20:18
Su ordine del tribunale l’ex dirigente della polizia amministrativa che aveva evidenziato le criticità legate alla sicurezza del concerto di [...]
Cronaca
28 settembre - 21:17
L'incidente è avvenuto sulle Dolomiti di Brenta. Un 62enne stava scendendo, con il compagno di escursione, da cima della Finestra quando è [...]
Politica
28 settembre - 18:36
La Lega è doppiata in Veneto dal partito di Giorgia Meloni e crolla un po' ovunque. I 5 Stelle sono primo partito in gran parte del Sud. Se [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato