Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, regalati dei tablet alla casa di riposo: ora gli anziani videochiamano i propri cari

E' successo all'Apsp Benedetti.Essendo state stabilite limitazioni anche agli accessi della parrucchiera che normalmente serve gli ospiti, ecco che una dipendente si è messa a disposizione: avendo competenze non solo da operatore socio sanitario ma anche da parrucchiera, tiene attivo il servizio grazie anche al supporto di due colleghi

Pubblicato il - 11 marzo 2020 - 15:59

MORI. Dei tablet per consentire agli ospiti dell'Apsp Benedetti di Mori di parlare attraverso delle videochiamate con i loro cari senza metterli in pericolo da possibili contagi da Coronavirus. E' la bella iniziativa che parte da Mori in questo impegnativo momento, durante il quale i contatti con gli anziani nelle strutture sono stati ridotti al minimo.

 

Ecco allora che c’è chi ha deciso di aumentare i propri sforzi per portare servizi e conforto a loro e ai rispettivi familiari. Nella struttura dell'Apsp Benedetti sono arrivati 2 tablet, donati dalle associazioni Arca, Circolo Operaio e Gran Carneval (tutte di Mori Vecchio), assieme ad Arcs Sano. Un terzo apparecchio è stato donato invece da uno dei lavoratori dipendenti della casa di riposo. Questi tablet consentiranno in determinate fasce orarie e con l'aiuto degli operatori agli anziani di videochiamare i propri chiari

 

Ma l’impegno non si è fermato qui. Essendo state stabilite limitazioni anche agli accessi della parrucchiera che normalmente serve gli ospiti, ecco che una dipendente si è messa a disposizione: avendo competenze non solo da operatore socio sanitario ma anche da parrucchiera, tiene attivo il servizio grazie anche al supporto di due colleghi.

 

“Ci sono stati consegnati i tablet – ha spiegato il direttore Antonino La Grutta - tramite i quali i nostri ospiti potranno comunicare coi familiari attraverso whatsApp. Come struttura abbiamo inoltre la possibilità di fare videochiamate tramite Skype, aumentando ancora le possibilità. Ovviamente l’uso delle tecnologie è coadiuvato dai nostri operatori. Vediamo che il servizio è già molto apprezzato”.

 

Sono state istituite anche apposite fasce orarie durante le quali un operatore sarà presente per facilitare le comunicazioni: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 11 e dalle 15 alle 17 si può chiamare: 0464-075001 portineria Rsa; 0464-075017/18 operatore di animazione Rsa; 0464-075054 per servizio Hospice. Sabato e domenica, negli stessi orari, si può chiamare 0464-075018 operatore di animazione Rsa; 0464-075040 operatore di assistenza Rsa; 0464-075054 servizio Hospice.

 

“In generale – conclude il direttore – va sottolineato come in questi momenti difficili nessuno si stia tirando indietro e, al contrario, si registri una diffusa volontà di fare tutto il possibile per alleviare il disagio, ognuno fornendo le proprie competenze, il proprio tempo e la propria sensibilità. La qualità del servizio che eroghiamo è il frutto dell’impegno di una squadra di validissimi professionisti, che vanno ringraziati. Ringraziamo anche i familiari e gli ospiti per la comprensione e la collaborazione che stanno dimostrando”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 09:25

Andrea Villotti oltre ad essere il numero uno della società che si occupa di gestire il patrimonio immobiliare degli enti pubblici del Trentino (che, però, non pubblica il suo curriculum vitae nonostante i termini siano scaduti per l'Anticorruzione) è direttore emerito del Milton Friedman Institute e all'indomani del dpcm di Conte il suo direttore esecutivo ha comunicato che: ''Il nostro Istituto inizierà una incessante campagna per la disobbedienza fiscale al fianco di tutti quegli imprenditori colpiti da queste assurde misure che minano la convivenza civile''

26 ottobre - 18:38

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari in accordo con la Provincia ha disposto la rimodulazione dei servizi per fronteggiare la seconda ondata dell'epidemia coronavirus. Giuseppe Pallanch: "La sensazione è che ci si sia fermati a febbraio e purtroppo siamo preoccupati della capacità di pianificazione e gestione di questa fase dell'emergenza"

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato