Contenuto sponsorizzato

Emergenza coronavirus, spesa e farmaci per anziani fragili e malati: parte il servizio ''Resta a casa passo io''

 Attivo il numero 0461 495244 tutti i giorni dalle ore 8 alle ore 20 per attiva la domiciliazione degli assistiti

Pubblicato il - 13 marzo 2020 - 18:24

TRENTO. Aiutare le persone anziane che non possono muoversi, per rispondere ai bisogni di prima necessità a partire dalla spesa ai farmaci. Questo il nuovo progetto lanciato in Trentino con il servizio “resta a casa passo io”.

 

Basta infatti contattare il numero 0461 495244 tutti i giorni dalle ore 8 alle ore 20 per attivare la domiciliazione assistita. Si potranno dare una serie di informazioni e in questo modo si potranno attivare dei servizi che arriveranno fino a casa per aiutare le persone. 

“Ci sono persone che sono a casa e non possono uscire perché hanno vari problemi – ha spiegato la dottoressa Marilisa de Luca – e in tanti hanno magari anche bisogno di ascolto”.

 

Il progetto "#Resta a casa, passo io", come già detto, è rivolto alle persone impossibilitate ad uscire dal proprio domicilio che sono prive di una rete familiare, con oltre 75 anni, malattie croniche o con le difese immunitarie debilitate. Un'utenza fragile, messa particolarmente alla prova dalle misure di distanziamento sociale imposte dalla diffusione del Covid 19 alle quali viene offerto sollievo, vicinanza e supporto tramite l'attivazione di una rete di soggetti. 

 

Ad attivarsi saranno le reti di volontariato presenti nel nostro territorio, con l'aiuto dei psicologi dei popoli e anche la protezione civile. Ovviamente, le operazioni avverranno in massima sicurezza e gli operatori non entreranno a casa delle persone. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato