Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, retromarcia della sindaca di Tesero: ''Per la zona rossa vengono calcolati tutti i tamponi, ma per ora non ci sono valutazioni di misure più drastiche''

Nelle scorse ore, la prima cittadina aveva informato (sbagliando) circa la contabilità dei casi: solo i tamponi molecolari sarebbero stati conteggiati per definire il tasso di contagio: "Si precisa che Pat e Apss mi hanno comunicato ieri sera (venerdì 20 novembre ndr) che, per definire un Comune zona rossa, vengono calcolati tutti i tamponi, criterio che fino a ieri non era per nulla chiaro"

Di Luca Andreazza - 22 novembre 2020 - 19:06

TESERO. "Attualmente non sono previsti provvedimenti più restrittivi e non sono state valutate misure più drastiche". Così Elena Ceschini, sindaca di Tesero, che attraverso una circolare ha rettificato la precedente uscita e ha comunicato alla popolazione il quadro epidemiologico sul territorio. Il tasso di contagio per quanto riguarda il Comune si attesta al 2,7% e quindi molto vicino alla soglia di quel 3% che significherebbe zona rossa

 

Nelle scorse ore, la prima cittadina aveva, infatti, informato (sbagliando) circa la contabilità dei casi: solo i tamponi molecolari sarebbero stati conteggiati per definire il tasso di contagio. Questo a fronte della Provincia che ha sempre parlato della somma di test molecolari e antigenici, così come l'inserimento di Baselga di Pinè e Bedollo in zona rossa con una percentuale notevolmente inferiore al 3% per i dati "ufficiali" di piazza Dante (Qui articolo). 

 

I dati dei test antigenici che vengono solo comunicati ai sindaci e non c'è invece un'informazione complessiva a livello provinciale crea evidentemente confusione anche sui territori. Nel frattempo la sindaca ha evidentemente ottenuto i chiarimenti necessari dalle autorità: "Si precisa che Pat e Apss - spiega Ceschini nella nota - mi hanno comunicato ieri sera (venerdì 20 novembre ndr) che, per definire un Comune zona rossa, vengono calcolati tutti i tamponi (molecolari + antigenici rapidi, escludendo sempre i soggetti in Rsa), criterio che fino a ieri non era per nulla chiaro. In ogni caso il tasso di contagio per Tesero è del 2,7%".

 

Un quadro aggiornato a sabato 21 novembre e composto dai 18 contagi accertati tramite tampone molecolare (più 19 in Rsa che però non vengono conteggiati dall'Apss per il calcolo del tasso di contagio) e 63 positività ai test antigenici. Il totale è di 81 casi e la soglia è di 90 persone per quota 3%. Ma la situazione per ora non sarebbe considerata a rischio: "Non ci sono valutazioni di misure più drastiche. La zona rossa - prosegue la sindaca - non può essere decisa dal singolo Comune ma dalla Pat di concerto con l'Apss".

 

Non si entra nel merito di questa comunicazione, fatto salvo che comunque un primo cittadino dovrebbe aver l'opportunità di eventualmente poter intervenire in modo più restrittivo rispetto al Dpcm attraverso un'ordinanza sindacale. Se un sindaco ritiene opportuno potrebbe in linea di massima per ragioni sanitarie autoproclamarsi zona rossa. 

 

Un 3% comunque "creativo" per la Provincia di Trento. Prima di entrare in zona rossa vengono valutati diversi parametri come l'estensione del contagio e il numero di abitanti di un centro (se una famiglia è positiva in un paese piccolo la percentuale sale velocemente e le restrizioni per questo non sono automatiche). Può anche avere un senso, come non prendere in considerazione il dato delle Rsa. A lasciare un po' perplessi è in caso la "valutazione": si può superare la barriera del rischio e poi si valuta qualche giorno prima di eventualmente intervenire.

 

L'appello della prima cittadina è comunque quello di rispettare le regole. "Non dobbiamo abbassare la guardia - dice Ceschini - ognuno di noi è chiamato a fare la propria parte e a collaborare con responsabilità".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 18:28

Sono stati analizzati 740 tamponi, 176 i test risultati positivi. Molto alto il rapporto contagi/tamponi si attesta al 23,8%

30 novembre - 18:24

Il presidente della Provincia Maurizio Fugatti si è prestato per un'iniziativa benefica. Il suo volto, con tanto di citazioni dialettali tratte dalle conferenze stampa sul Covid, è stato stampato su delle magliette da un negozio di Trento, il cui ricavato sosterrà dei "regali in sospeso" per famiglie in difficoltà. Il web, nemmeno a dirlo, si è già scatenato

30 novembre - 15:44

Da Roma arriva il via libera per procedere con la fase 2 per la sperimentazione del vaccino contro il coronavirus dell'italiana Reithera. Tra il primo gruppo di volontari sani, tra 18 e 55 anni, che si sono sottoposti all'inoculazione c’è Mirian Fadelli: “Ho deciso di farlo perché credo fortemente nella scienza e nella medicina”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato