Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, sempre più mascherine abbandonate sui sentieri di montagna: ''Impatto gravissimo sull'ambiente, serve maggiore responsabilità''

La produzione di rifiuti giornaliera su scala nazionale risulterebbe compresa tra 250 e 720 tonnellate. Utilizzando il peso medio di 11 grammi (che prende in considerazione tutte le tipologie di mascherine) e un fabbisogno intermedio di 37,5 milioni, si avrebbe una produzione giornaliera di circa 410 tonnellate

Pubblicato il - 13 luglio 2020 - 13:06

TRENTO. Non solo gettate a terra in città, abbandonate sulle siepi o sulle panchine. Gli incivili non si fermano nemmeno in montagna. Sono già diversi infatti i casi di mascherine  abbandonate sui sentieri da parte di qualche escursionista.

Il ritorno delle passeggiate in montagna, infatti, ha portato giorno dopo giorno all'aumento di questo problema.

 

Nei giorni scorsi a lanciare l'allarme era stata anche Legambiente. L’abbandono nell’ambiente di guanti e mascherine usa e getta può avere un impatto ben più grave di quello legato solo all’incuria. Per le loro caratteristiche di leggerezza e rapidità di deterioramento, infatti, questi dispositivi possono finire facilmente, magari anche trascinate dal vento, nei corsi d'acqua dove possono causare un incremento della diffusione di microplastiche e diventare una minaccia per tutte le specie, protette e non.

 

I dati sul fenomeno sono stati illustrati alla fine di maggio l’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale). In un documento aveva, infatti, affermato che il fabbisogno giornaliero di mascherine in questa fase si aggirava intorno ai 35/40 milioni di pezzi.

“La produzione di rifiuti giornaliera su scala nazionale risulterebbe pertanto compresa tra 250 e 720 tonnellate. Utilizzando il peso medio di 11 grammi (che prende in considerazione tutte le tipologie di mascherine) e un fabbisogno intermedio di 37,5 milioni, si avrebbe una produzione giornaliera di circa 410 tonnellate. La produzione calcolata sino a fine 2020 (circa 240 giorni) si attesterebbe, pertanto, tra le 60.000 e le 175.000 tonnellate di rifiuti, con un valore sulla media di circa 100.000 tonnellate” aveva precisato l'istituto.

 

Un maggiore senso di responsabilità” è stato anche chiesto in passato dalla Sat. “Coloro che hanno avuto occasione di muoversi avranno notato che ci sono già molte mascherine in giro abbandonate sui sentieri, vorremmo pensare che siano state 'perse', piuttosto che gettate, ma l’effetto non cambia ed è pessimo” .

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
13 giugno - 20:30
Trovati 11 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 44 guarigioni. Sono 248 i casi attivi sul territorio provinciale
Cronaca
13 giugno - 20:04
Dopo una ricostruzione della disciplina vigente, la Pat riconduce la regola per le zone bianche al Dpcm secondo il quale il coefficiente [...]
Cronaca
13 giugno - 19:43
L'allerta è scattata all'altezza di Vadena lungo l'Autostrada del Brennero. Tempestivo l'arrivo dei vigili del fuoco di Egna ma l'auto è finita [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato