Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, turista positivo: chiuso un albergo di Selva Valgardena

La comunicazione del caso positivo è arrivata dalle autorità tedesche. La proprietaria della piccola struttura, risultata l’unica persona di stretto contatto del caso positivo, è stata posta in isolamento domiciliare

Pubblicato il - 29 febbraio 2020 - 09:22

BOLZANO. E' stato momentaneamente chiuso un piccolo albergo di Selva Valgardena dopo che un turista tedesco che aveva soggiornato è risultato positivo al coronavirus.

 

Le autorità altoatesine sono state avvisate dalla proprietaria di una piccola struttura ricettiva di Selva Valgardena, tramite il numero verde 800751751, della segnalazione giunta dalle autorità del Baden Württemberg, dimostrando così l’efficacia della catena informativa predisposta.

 

Sono state immediatamente avviate le indagini epidemiologiche, e la proprietaria della piccola struttura, risultata l’unica persona di stretto contatto del caso positivo, è stata posta in isolamento domiciliare. La struttura ricettiva, inoltre, è stata chiusa, in ottemperanza alle indicazioni sanitarie per situazioni del genere.

 

Alla luce delle nuove informazioni raccolte dal Servizio di igiene e sanità pubblica, e del breve periodo di permanenza del turista germanico, è possibile affermare, ha spiegato in una nota la provincia di Bolzano, che il contagio da Coronavirus sia probabilmente avvenuto prima del periodo trascorso in Val Gardena. Il direttore generale, Florian Zerzer, sottolinea a questo proposito che "al momento attuale non è tecnicamente corretto parlare di un nuovo caso. Ad ogni modo - conclude - abbiamo messo in atto tutte le necessarie misure di prevenzione e fatto partire le indagini epidemiologiche".

 

Fino a ieri sera, invece, non risultava alcun nuovo caso di coronavirus in Trentino.

 

Le autorità sanitarie trentine non hanno ricevuto alcuna comunicazione ufficiale dalla Repubblica federale tedesca volta a confermare le voci di un eventuale contagio contratto da un turista di nazionalità germanica dopo una vacanza sul nostro territorio. 
 

In casi come questi - fanno sapere dal Dipartimento alla salute della Provincia autonoma di Trento - queste comunicazioni sono obbligatorie.

 

“Avendo avuto notizia dalla stampa di questo ipotetico caso - prosegue il dirigente generale del dipartimento, Giancarlo Ruscitti - abbiamo fatto i nostri accertamenti anche presso l'istituto superiore di sanità il quale ci ha confermato che dalla Germania non risultano comunicazioni ufficiali di casi di infezione da Coronavirus in Trentino".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 14:12

Il Governo si è preso l’impegno di erogare i primi aiuti già a novembre: “Abbiamo previsto una serie di indennizzi per coloro che saranno penalizzati dalle nuove norme”. In arrivo nuovi contributi a fondo perduto, cancellata la seconda rata Imu e confermata la cassa integrazione

25 ottobre - 12:19

Stagione invernale a rischio, con il nuovo Dpcm il Governo ha disposto la chiusura degli impianti nei comprensori sciistici che potranno essere utilizzati solo dagli atleti professionisti e di interesse nazionale. Gli sciatori amatoriali dovranno sperare in un eventuale via libera del Comitato tecnico-scientifico

25 ottobre - 12:09

La consigliera ha avuto i primi sintomi nei giorni scorsi. Ora si sottoporrà al tampone molecolare, lo stesso faranno anche il consigliere Ghezzi e l'assessore Spinelli 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato