Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, una class action contro Tirolo e Austria per aver tenuto aperto gli impianti e aver sottovalutato l'epidemia

L'Associazione austriaca per la tutela dei consumatori ha lanciato una comunicazione sul sito internet: "Chiunque si trovasse in vacanza a Ischgl, Paznauntal, St. Anton am Arlberg, Sölden o Zillertal a partire dal 5 marzo e nei giorni seguenti, e successivamente è stato trovato positivo al coronavirus, potrebbe avere diritto a chiedere un risarcimento danni al Tirolo o all'Austria". Sono bastate poche ore per ricevere oltre 2.500 adesioni

Di L.A. - 01 aprile 2020 - 17:32

TRENTO. Arriva la prima "class action" da Covid-19. Oltre 2.500 turisti contagiati da coronavirus hanno, infatti, presentato causa contro le autorità tirolesi e l'Austria per le gravi negligenze sulla gestione dell'epidemia a Ischgl

 

Da lì è partita una infezione che si è diffusa in mezza Europa (Qui articolo). Già la settimana scorsa la procura di Innsbruck aveva aperto un fascicolo per verificare e approfondire le responsabilità penali. 

 

Non solo, l'Associazione austriaca per la tutela dei consumatori ha quindi lanciato una comunicazione sul sito internet: "Chiunque si trovasse in vacanza a Ischgl, Paznauntal, St. Anton am Arlberg, Sölden o Zillertal a partire dal 5 marzo e nei giorni seguenti, e successivamente è stato trovato positivo al coronavirus, potrebbe avere diritto a chiedere un risarcimento danni al Tirolo o all'Austria, a condizione che possiate produrre prove di negligenza attraverso relazioni pertinenti o in un procedimento penale".

 

Sono bastate poche ore: oltre 2.500 segnalazioni che hanno permesso all'associazione austriaca per la protezione dei consumatori di presentare una class action contro il governatore del Tirolo. 

 

L'accusa è pesante: aver nascosto o sottovalutato l'epidemia per salvare la stagione sciistica a qualunque costo. Successivamente, l'associazione ha presentato denunce a carico del governatore del Tirolo, Günther Platter, del sindaco di Ischgl, del gestore degli impianti di risalita e di altre autorità locali.

 

"La pandemia è in sé qualificabile come stato di causa maggiore - si legge sul sito dell'associazione - una situazione nella quale nessuno può essere ritenuto responsabile per i danni sofferti da altri. D'altra parte, lasciare i resort sciistici aperti, nonostante le autorità fossero consapevoli o dovevano esserlo della minaccia di contaminazione di massa, è una situazione in cui i danni possono essere reclamati".

 

Le prime segnalazioni erano arrivate il 5 marzo quando dall’Islanda comunicarono che un gruppo di turisti era positivo al coronavirus e potrebbe essere stato contagiato a Ischgl.

 

L’8 marzo da Oslo arrivò una comunicazione ufficiale: dei 1.198 casi positivi sul territorio nazionale, 491 erano reduci da vacanze in Austria, soprattutto a Ischgl.

 

Seguirono tante segnalazioni tra Germania, Danimarca e Svezia: le persone positive avevano trascorso la settimana bianca proprio nella località del Tirolo. A seguito dei crescenti casi di positività al coronavirus, il 13 marzo la Paznauntal era stata posta in isolamento.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
15 April - 18:47
L'ufficialità è arrivata in queste ore e così dalle 23 di domani sera, 16 aprile, l'Apss permetterà anche alla fascia di età 65-69 anni di [...]
Economia
15 April - 16:20
I segretari di Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl del Trentino Diaspro, Pallanch, Tomasi e Varagone: “Si è ormai raggiunto il colmo e [...]
Cronaca
15 April - 17:20
Il violentissimo incidente è avvenuto lungo l'A22 all'altezza di Nogaredo ovest in direzione Modena. In azione la macchina dei soccorsi. Due [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato