Contenuto sponsorizzato

Emergenza coronavirus, sale a 7 il numero di morti in Trentino Alto Adige

Sono  5 i morti  in Alto Adige mentre in Trentino sono 2 i decessi registrati fino ad oggi 

Pubblicato il - 15 marzo 2020 - 09:02

BOLZANO. Sale il bilancio dei morti in regione. In Alto Adige arrivano a cinque le persone morte per coronavirus in quattro giorni.

 

L'ultimo caso è un 82enne di Selva Gardena il cui decesso è avvenuto all’ospedale di Vipiteno, dopo essere stato riscontrato positivo al coronavirus.

 

In regione, quindi, diventano sette le vittime causate dal virus.

 

In Alto Adige oltre a questa ultima morte, abbiamo la prima donna di 85 anni, un altro bolzanino di 88 anni e un 86enne di Castelrotto. Infine una donna di oltre 90 anni con altre patologie morta tra venerdì e sabato.

 

Per quanto riguarda il Trentino, invece, abbiamo una donna di 81 anni di Borgo e don Luigi don Luigi Trottner, parroco di Campitello.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato